Quantcast
Serie b maschile

Sportiva Sturla a forza 10, ma Arenzano non molla

Decima vittoria consecutiva per i biancoverdi che rimangono a +8 su Arenzano. Sconfitte per Sestri e Aragno, vince di misura Rapallo

Varie Sport 2015-2016

Dopo la sosta pasquale, sono tornate in acqua anche lo squadre partecipanti al campionato di Serie B maschile di pallanuoto, una categoria in cui la Liguria, e la provincia Genova in particolare è protagonista.

La Sportiva Sturla infatti ricomincia da dove aveva lasciato e fa 10 su 10 vincendo contro Firenze Pallanuoto (7-11)e spegnendo le residue speranze dei toscani di poter ancora sperare di inseguire i biancoverdi. Lo Sturla dimostra di avere ben impattato con il rientro in acqua e di aver fatto tesoro della settimana di riposo. A Firenze la partita è combattuta e sebbene la Sportiva parta forte, imponendo un ritmo alto e chiudendo il primo quarto su un rassicurante 2-4, Firenze non molla la presa e tiene bene anche nel secondo tempo subendo una sola rete.

Al cambio campo poi i toscani approfittano di un calo di tensione improvviso dei liguri e recuperano terreno con un 4-2 importante. Ci vuole una scossa da bordovasca per far risvegliare i biancoverdi e Falcone sa far bene il proprio mestiere, così nell’ultima frazione, lo Sturla spegne quasi subito le speranze dei gigliati di poter essere i primi a bloccare la capolista. Con un parziale di 1-4, la Sportiva se ne va a prendere i suoi 30 punti rimanendo a +8 su chi insegue. Da segnalare la grande giornata di Venturelli che mette 4 reti a referto, bene anche Polipodio con 2. Un gol a testa per Cappelli, D’Alessandro, Cornacchia, Nani e Pontiggia.

Non molla la Rari Nantes Arenzano che vince meritatamente l’altro incrocio fra genovesi e fiorentini andando ad espugnare la vasca dell’Acquasport Firenze. Un match questo, che ha visto certamente i biancoverdi di De Grado vincere con largo merito, ma entrambe le squadre hanno denunciato una direzione di gara piuttosto discutibile: “L’Arenzano ha vinto meritatamente la partita dimostrando di occupare a buon diritto il secondo posto – dicono da Firenze – ma non è possibile permettere a certi personaggi di continuare ad arbitrare”. Simile il post degli arenzanesi che, hanno incassato gli apprezzamenti degli avversari per la sportività.

Detto ciò l’acqua ha detto comunque che l’Arenzano è davvero la degna rivale, sebbene a debita distanza, della Sportiva Sturla. La migliore fra le squadre “umane”. Il primo quarto vede subito in attacco i biancoverdi che siglano un secco 0-4 che consente di gestire bene il proseguo della partita. Nel secondo tempo la Rari gestisce il ritorno dei fiorentini che vincono il parziale 2-1. Al cambio campo lo scambio è quasi epico, con decisioni dell’arbitro discutibili, e Firenze che si avvicina ancora vincendo il tempo 4-3 (6-8 totale). L’ultimo quarto è decisivo, Arenzano va, Firenze no, il 2-6 non lascia scampo ai padroni di casa che alla fine subiscono una punzione anche eccessiva che non rappresenta al meglio quanto combattuto sia stato questo bell’incontro. Alla fine il tabellino dice Firenze 8 Arenzano 14.

La colomba pasquale invece di mettere le ali ha appesantito invece il Cn Sestri che subisce una brutta sconfitta contro Lerici, squadra quadrata e in grado di giocarsela con tutti, ma che i sestresi avevano anche battuto all’esordio in campionato e per giunta a domicilio. Lerici ci tiene a rendere il favore e lo fa con una bella partita che dimostra anche un momento di appannemento dei biancoverdi sostanzialmente quasi mai pervenuti. Sestri tiene poco il ritmo degli spezzini che fuggono nel parziale e tengono a bada i timidi tentativi dei sestresi di rientrare in gara. Alla fine il punteggio di 8-13 è quasi lusinghiero per i padroni di casa, che sanno di essere più forti di così.

Torna a vincere Rapallo, che espugna la vasca dell’ultima della classe, il Nuoto Livorno con un punteggio più calcistico che da waterpolo. I gialloblu infatti vincono 2-3 al termine di una partita molto ostica e fisica, con tanti errori sottoporta. Decisivo il primo tempo con i ruentini avanti 1-2 che mantengono anche nella ripresa. Al cambio campo ci si aspetta quanto meno una reazione dei locali e avviene, ma è una botta e risposta nel terzo quarto che termina 1-1. Nel finale nessuna delle due squadre riesce a essere abbastanza preciso da riuscire ad andare a segno. Gioisce Rapallo che torna a vincere e sale a quota 11 punti agganciando Sestri.

Sconfitta ancora l’Aragno Rivarolesi, ma contro la Dinamica Torino, squadra ben attrezzata e terza forza del campionato, la partita è combattuta e i delfini granata tengono più che degnamente il risultato aperto fino alla fine tant’è che i torinesi vinceranno, si, ma 5-8. Dimostrazione di una squadra in netto miglioramento che può risalire la china.

Partono malamente i ragazzi di Ciampolini che probabilmente pagano un avvio di gara troppo timoroso e incassano 4 reti siglandone solo una. I piemontesi allungano nel secondo tempo che si aggiudicano per 0-1, poi arriva la reazione granata con la vittoria del terzo quarto, 2-1 e il tentativo di rimonta nell’ultima frazione viene annullata in parte dagli avversari, ma anche dall’ennesima direzione di gara sottotono. Alla fine il 2-2 dell’ultimo tempo condanna i genovesi alla sconfitta, ma è chiaro che con un altro avvio di gara e un altro tipo di arbitraggio l’Arangno potrà allontanarsi dai bassifondi. C’è comunque una notizia positiva per i delfini: è rientrato in squadra capitan Tondina che sarà certamente utile per il prosieguo della stagione.

La classifica parla di uno strapotere della Sportiva Sturla, in fuga solitaria a 30 punti, + 8 su Arenzano ottima seconda forza del torneo. Sesta posizione a pari merito per Sestri e Rapallo, con un momento di forma ben diverso, però visto che i rapallesi sono in ascesa, mentre i biancoverdi non riescono a schiodarsi da quota 11 punti. Penultimo ancora l’Aragno con 4 punti.

Nel prossimo turno, tornano i derby, con Sportiva Sturla – Cn Sestri e Rapallo Nuoto – Aragno Rivarolesi. Arenzano ha la possibilità di allungare, visto che ospita Livorno, ultima della classe e che contemporaneamente si disputa Torino – Firenze, ovvero lo scontro fra le due squadre alle spalle degli arenzanesi.