Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Serie B: l’Entella sciupa, il Brescia la punisce risultati

Risultato condizionato da qualche errore di troppo ma la squadra è viva

Chiavari. Si ferma la striscia positiva dell’Entella dopo undici partite, al cospetto di un Brescia che ha fatto poco o forse niente di più dei biancocelesti per vincere una partita che lo rimette in corsa verso i playoff.

Le rondinelle erano reduci da un ko di quelli difficili da interpretare perché dopo partite del genere i casi sono due: o reagisci o crolli definitivamente. La squadra di mister Boscaglia un po’ per i valori tecnici e un po’ anche per le pressioni, che una piazza così importante fa sentire, ha reagito al meglio interpretando esattamente quello striscione apparso ad inizio partita nel quale si invitavano i giocatori a non tirare anticipatamente i remi in barca.

L’Entella ha fatto la sua parte come sempre con la solita determinazione, le consuete trame di gioco a tratti spettacolari, infarcendo però la prestazione di troppi errori soprattutto sotto porta dove qualche volta Minelli e qualche volta gli errori degli attaccanti chiavaresi hanno impedito di passare in vantaggio fin dal primo tempo.

Aglietti schiera i rientranti Iacoponi e Keità sugli esterni e sostituisce l’infortunato Jadid con l’ex di turno Sestu. Per il resto in campo gli stessi che hanno battuto il Modena. L’avvio dei bresciani come previsto è determinato: tanta corsa, tanti palloni messi in mezzo all’area alla ricerca del volo dell’airone, ma pericoli veri Iacobucci li prova soltanto quando una conclusione di Embalo di testa, dalla stessa mattonella che risulterà letale poco dopo, colpiva la traversa.

I chiavaresi contengono le sfuriate bresciane e appena possibile ripartono anche per intimidire gli avversari. Nella fase centrale del primo tempo il gol biancoceleste sembra nell’aria. Il primo squillo è di Cutolo che dopo un duetto con Caputo calcia di sinistro sfiorando il palo della porta difesa da Minelli. Da lì nasce una serie di calci d’angolo che produce altrettante occasioni. Sul primo Di Carmine rimette al centro di testa colpendo il braccio di Mazzitelli ma Abisso lascia proseguire. Sulla seconda il gol sembra fatto: la palla giunge a centro area a Iacoponi che gira da centravanti esaltando però il miracoloso intervento del portiere bresciano. Poco dopo tocca a Troiano colpire di testa chiamando alla parata ancora Minelli, quindi Caputo manca la girata su assist ancora di Di Carmine.

Dal gol nell’aria si passa al gol subito in pochi minuti, confermando una delle leggi più ciniche del calcio. Lo sfiora Caracciolo di testa poco dopo la mezz’ora, mentre si concretizza al 35° con Venuti che crossa da destra ed Embalo che anticipa Iacoponi e mette nell’angolino distante per Iacobucci. L’Entella non accusa il colpo e un minuto dopo Di Carmine crossa per Caputo anticipato da Lancini al momento della girata. Discutibile la distribuzione dei cartellini da parte di Abisso che pare troppo severo nei confronti dei chiavaresi e più accondiscendente verso le rondinelle: alla fine saranno 5 a 1.

La ripresa vede l’Entella determinata subito aggressiva ma poco lucida nei sedici metri finali. Cutolo ci prova con un sinistro a giro di poco fuori. Iniziano i cambi con Staiti per Sestu; la iena che subito mette un pallone in area per Caputo, il gol sembra fatto ma la girata di Ciccio sfiora il palo e termina a lato. Perde un po di fiducia l’Entella, che tuttavia non molla mai finchè al 40° una punizione di Mazzitelli calciata direttamente in porta rimbalza male davanti a Iacobucci e si infila beffardamente alle sue spalle. Praticamente l’unico tiro in porta del Brescia nel corso della ripresa.

Il tempo di un altro gettone per i baby Di Paola e Otin e si arriva al triplice fischio che non compromette nulla in termini di classifica, visto che il riavvicinarsi del Brescia potrebbe costituire un aiuto alle speranze chiavaresi, dato che le rondinelle hanno ancora qualche scontro diretto in chiave playoff da giocare.

Il tabellino:
Brescia – Virtus Entella 2-0 (p.t. 1-0)
Brescia (4-2-3-1): Minelli; Venuti, Calabresi, Lancini, Castellini; Mazzitelli, Martinelli; Kupisz, Geijo (s.t. 44° Abate), Embalo (s.t. 36° Marsura); Caracciolo (s.t. 24° Salifu). A disposizione: Arcari, Coly, Abate, Camilleri, Salifu, Morosini, Marsura, Dall’Oglio, Rosso. All. Boscaglia.
Virtus Entella (4-3-3): Iacobucci; Iacoponi, Ceccarelli, Pellizzer, Keita; Palermo (s.t. 30° Di Paola), Troiano (s.t. 35° Otin), Sestu (s.t. 20° Staiti); Cutolo, Caputo, Di Carmine. A disposizione: Paroni, Volpe, Benedetti, Staiti, Di Paola, Otin, Sini, Belli, Dany Mota. All. Aglietti.
Arbitro: Abisso (Palermo). Assistenti: Di Iorio (Verbania) e Liberti (Pisa). Quarto uomo: Bichisecchi (Livorno).
Reti: p.t. 36° Embalo (B); s.t. 40° Mazzitelli (B).
Ammonizioni: p.t. 15° Keita (E), 27° Troiano (E), 35° Mazzitelli (B), 41° Cutolo (E), s.t. 23° Pellizzer (E), 38° Ceccarelli (E).