I commenti

Savona, Cristina Battaglia vince le primarie Pd. Paita: “Renzi ha vinto in tutta la Liguria”

Ermini: "Una vittoria per tutto il Partito Democratico, ora avanti uniti"

Savona. Cristina Battaglia, 42 anni, sarà il candidato sindaco del Pd e del centro sinistra per le prossime elezioni comunali a Savona. La funzionaria della Regione Liguria si è imposta sull’attuale vicesindaco di Savona Livio di Di Tullio nella sfida delle elezioni primarie, riuscendo a imporsi in quasi tutti i 9 seggi dove i savonesi hanno espresso la loro preferenza.

Il risultato finale delle elezioni primarie vede Cristina Battaglia vincere con 1715 voti pari al 53.3%, Di Tullio si è fermato a 1500 voti (46,7%).

“Renzi ha vinto in tutta la Liguria – ha commentato Raffaella Paita, capogruppo Pd in Regione – Alla Spezia con Pecunia, nuova segretaria provinciale del Pd, e a Savona con Battaglia: due donne di cui essere orgogliosi. Ora mettiamoci al lavoro tutti uniti per vincere le elezioni savonesi”.

“Una vittoria per tutto il Partito Democratico savonese e ligure”, l’ha definita David Ermini, Commissario regionale PD Liguria. “Le primarie del centrosinistra a Savona sono state un successo, come dimostra anche l’assenza di qualsiasi tipo di contestazione e hanno dato prova ancora una volta che il dibattito chiaro, aperto e serio sui contenuti – ha sottolineato Ermini -A Cristina Battaglia le mie più sincere congratulazioni per questa meritata vittoria. Allo stesso tempo voglio anche ringraziare Livio Di Tullio perché, già in questi primi momenti dopo l’esito del voto, si è dimostrato una persona davvero seria e corretta nel riconoscere la vittoria della sfidante. Adesso avanti tutti insieme con Cristina Battaglia e il centro sinistra unito per affrontare la sfida più importante che ci attende, quella delle elezioni amministrative. Se continueremo in questo percorso condiviso e aperto alla partecipazione dei cittadini porteremo a casa la vittoria”.

A Villapiana non sono mancati momenti di contestazione e tensione per l’esito della votazione, dove Di Tullio è risultato vincitore.

Cristina Battaglia ha potuto contare sui cosiddetti “signori del Pd” come l’ex assessore regionale Carlo Ruggeri (pure lui è stato sindaco di Savona), l’ex parlamentare Massimo Zunino il papà di Mattia Zunino, appena eletto coordinatore nazionale dei Giovani Democratici e sul sindaco uscente Federico Berruti che invece lo scorso anno sostenne Sergio Cofferati.


Guarda i risultati definitivi.