Quantcast
Da giugno

Nuovo piano rifiuti: Santa Margherita punta sul porta a porta

municipio santa margherita

Santa Margherita. La Regione Liguria e la Città Metropolitana chiedono maggior impegno ai Comuni sulla raccolta differenziata e Santa Margherita Ligure presenta un piano di conferimento che prevede l’utilizzo di nuovi strumenti, compreso il porta a porta.
 
La legge regionale 20/2015 stabilisce i nuovi criteri di calcolo su smaltimenti e conferimenti: non più come finora sulla raccolta differenziata, bensì sul riciclo. La legge stabilisce cioè che entro il 2016 i comuni debbano arrivare al 45% di riciclo e al 65% entro il 2020 (sono previste sanzioni a carico dei comuni che non raggiungeranno queste percentuali).
 
“Gli Enti e l’ambiente ci chiedono maggior impegno nello smaltimento dei rifiuti – ha dichiarato il sindaco Paolo Donadoni – Insieme agli uffici comunali, l’Amministrazione ha sviluppato una proposta di un piano che prevede l’introduzione del porta a porta in via sperimentale in alcune zone cittadine. Riteniamo sia uno degli strumenti più efficaci per incrementare il riciclo, premiare chi è virtuoso e individuare chi non lo è”.

Il nuovo piano di raccolta rifiuti, che sarà operativo a partire da giugno, sarà condiviso con la cittadinanza in una serie di incontri pubblici in via di definizione, che saranno tenuti dall’Amministrazione insieme al soggetto gestore (Docks Lanterna).

leggi anche
raccolta differenziata foce
Raccolta differenziata, a Santa Margherita è partito questa mattina il progetto di eco-volontariato
raccolta differenziata
Santa Margherita, kit per la differenziata: boom di consegne
municipio santa margherita
Decoro e raccolta differenziata, a Santa Margherita arrivano le multe: 21 sanzioni in pochi mesi
differenziata a tovo: cestini con codice
Sperimentazione
Santa Margherita, la raccolta dei rifiuti diventa porta a porta