Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Rari Nantes Sori perde lo scontro salvezza: 6 a 8 per la Florentia risultati

Animi caldi sulle tribune: partita sospesa per quasi mezz'ora

Sori. Oltre 250 spettatori martedì sera nella piscina di Sori; un’affluenza inusuale per le partite di quest’anno. Numerosi sono i tifosi biancorossi che arrivano da Firenze; chiassosi e presenti come sempre quelli soresi.

Presenti in tribuna Gianni De Magistris e Teresa Frassinetti, accanto al vicepresidente Federale, Ravina, al responsabile Fin per le giovanili, De Ferrari, l’arbitro Pinato, l’ex giocatore della Florentia storica, Dani, oltre a tanti curiosi attirati dall’importanza della posta in palio.

Partono pericolosamente i fiorentini con un palo di Oneto Gomes e un tiro di Vasic uno contro zero parato alla sua maniera da Ferrari. C’è anche una superiorità che la Florentia spreca e una controfuga che libera per un attimo Brancatello, su cui Ferrari esce in anticipo. In mezzo a tutto ciò c’è il vantaggio del Sori con Brlecic a uomo in più su espulsione di Astarita. Succede specularmente la stessa cosa un minuto dopo: nel pozzetto Manzi e Gobbi trasforma il gol del pareggio. Così finisce il primo quarto.

E’ ancora un discorso di superiorità quello della seconda frazione: traversa per il Sori, con Dani nel pozzetto, segna invece Astarita sull’allontanamento di Steardo. La tensione è altissima, si gioca in un frastuono infernale. Altra superiorità per i locali, tiro forzato a schizzo che supera la traversa. Caputi dice no ad un gol di Vasic (spinta sull’avversario), Ferrari si oppone ad Oneto Gomes.

Pareggia Mugnaini da posizione cinque: un’angolazione quasi impossibile, su superiorità numerica, ed è il 2-2. Poi, i primi gol a uomini pari. Va in vantaggio il Sori ancora con Brlecic, ma a mezzo giro di lancetta dalla fine pareggia Oneto Gomes per il 3-3 che rispecchia l’andamento della gara.

Lottano molto le due squadre, anche se la partita non è bellissima, ma è tiratissima. Fuori Steardo per la seconda volta, palo della Florentia. Torna in vantaggio il Sori a metà della terza frazione. Azione senza sbocco, Manzi si prende la responsabilità e sfodera dai sette metri il suo proverbiale sinistro. Neppure un minuto e pareggia Oneto Gomes a uomo in più per la seconda espulsione di Gandini.

Esce anche Salemi (tre uomini in doppia espulsione per il Sori), ma palo e Ferrari dicono no ai biancorossi. E’ invece il Sori a portarsi in vantaggio sulla sirena. Brlecic fa una cosa strepitosa: sul dorso resiste all’avversario e inventa una sciarpa di destro imparabile per Mugelli. Esplode di gioia il croato al suo terzo gol in partita, bello ed importante. Il Sori è in vantaggio per la terza volta. Nessuna delle due riesce a distaccarsi. E’ nuovamente pareggio con il solito Oneto Gomes (anche per lui tripletta) che tira con troppa facilità.

A questo punto succede l’incredibile. Gli spalti si accendono nonostante una partita correttissima seppur tirata. Caputi, dopo aver richiamato la società ospitante una prima volta per alcune intemperanze dei suoi tifosi, è costretto la seconda volta a sospendere la parita. I tifosi devono retrocedere di alcuni scalini con le aste delle loro bandiere. Fino a che non escono definitivamente.

Si assite a scene inconsuete. Presidente e giocatori, in particolare Ferrari, che cercano di mediare. Sul bordo della vasca una bottiglia rotta tirata a Caputi. Gli arbitri, molto comprensivi, aspettano quasi mezz’ora per riprendere la gara a patto che arrivino le forze dell’ordine. Quando la Benemerita entra in vasca si riprende.

Bruni sbaglia una superiorità facile facile, indugia, cerca di far cedere le gambe a Ferrari che non abbocca. Dalla parte opposa un’altra superiorità sulla traversa. Poi Brlecic fa un’altra magia: addomestica il pallone, lo aggancia di polso e supera Mugelli in uscita in colomba: 6-5 con la piscina che esplode. Nemmeno un minuto e Vasic ristabilisce la parità.

Due pali della Florentia, Bruni e Astarita. Poi l’ultimo ennesimo, incredibile colpo di scena: Colombo espelle a 30″ dalla sirena Blrecic. Proteste del croato e di Temellini che viene espulso. Trasforma Colombo, il gol della vita. Ultimi 20 secondi per il Sori, che perde palla, deconcentrato, controfuga coast to coast di Astarita, che permette a Ferrari l’ennesimo miracolo, ma poi segna in tap-in. Finale 6-8. Termina così; in acqua tutto benissimo, sugli spalti uno spot che allontana dalla pallanuoto.

“E’ una serata negativa, ma non è colpa della società – dice Guido Polipodio -, anche se sotto questo aspetto siamo stati sotto gli occhi di tutta Italia e questo mi dispiace perché non è un bello spot per la nostra disciplina. Non so che cosa sia successo. La partita era regolare, non cattiva, tutto andava benissimo. Non siamo condannati, non lo eravamo prima, non lo siamo ora. Ci sono ancora quattro partite e ce la giocheremo fino all’ultimo minuto”.

“Sarebbe stato meglio che gli arbitri avessero veramente sospeso la partita e non interrotto – afferma Mino Marsili -. Hanno ripreso dopo oltre mezz’ora e non sono apparsi minimamente lucidi, sono stati i primi a subire le conseguenze dell’interruzione. Negli ultimi due minuti abbiamo visto due situazioni eclatanti ai nostri danni, due maniere distinte di fischiare verso l’una o l’altra squadra. Amo questo sport, ma così non va bene…”.

“Siamo riusciti a sfruttare le situazioni con freddezza – dichiara Luca Minetti -. Può anche darsi che gli arbitri non fossero lucidi, ma non è facile per nessuno una situazione del genere, né per i giocatori, né per gli arbitri. Non commento quello che è successo perché è la mia seconda partita di Serie A e vorrei parlare di pallanuoto. Mi dispiace, non è una bella immagine per la pallanuoto. Però voglio elogiare i ragazzi che hanno tenuto la testa fredda. A Firenze c’è fame di Florentia. Abbiamo riempito un pullman di cinquanta tifosi, è venuto Gianni De Magistris. Davanti a tanto tifo dobbiamo mettercela tutta”

Il tabellino:
Rari Nantes Sori – Rari Nantes Florentia 6-8
(Parziali: 1-1, 2-2, 2-1, 1-4)
Rari Nantes Sori: Ferrari, Ferrero, Gandini, Mugnaini 1, Salemi, Cambiaso, Digiesi, Privitera, Steardo, Manzi 1, Brlecic 4, Ivosevic, Massaro. All. Temellini.
Rari Nantes Florentia: Mugelli, E. Colombo 1, Generini, Dani, F. Panerai, Vasic 1, Brancatello, Bruni, Oneto Gomes 3, Gobbi 1, Astarita 2, L. Panerai, Cicali. All. Minetti.
Arbitri: Caputi e Colombo. Delegato Fin: Tedeschi.
Note. Espulso Temellini per proteste nel quarto tempo. Usciti per tre falli: nessuno. Superiorità numeriche: Sori 2 su 7, Florentia 3 su 9.