Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Praese manda al tappeto il Bragno risultati

Campomorone, Borzoli, Arenzano e Certosa pareggiano

Arenzano. L’Albissola torna al successo, rifilando quattro reti alla Veloce (doppietta Di Pietro, Alessi, Bennati), ma la concomitante vittoria (2-1) del Pietra Ligure, sull’Albenga, non permette ai ceramisti di archiviare matematicamente la vittoria del torneo.

Tuttavia, così come per il Finale, anche ai ragazzi di Monteforte basterà ottenere un punto nelle restanti due gare per accedere alla categoria superiore.

Il successo del Pietra sull’Albenga è fondamentale, perché manda a meno sei gli stessi ingauni e a meno nove il Legino, quinto in classifica.

Il Legino supera (1-0) il Taggia ed incamera tre punti importanti, che consentono ai ragazzi di Tobia di salire sul quinto gradino della classifica, ancorché a meno nove dal Pietra, un distacco che non consente, al momento, di giocare lo spareggio play off.

La gara si sblocca all’85°, quando un calcio di punizione di Scimeni è respinto dal portiere ospite, ma il piatto destro di Pili è vincente e sblocca il risultato.

In zona play out, pareggiano tutte e quattro le squadre che al momento occupano questa zona paludosa; l’Arenzano , infatti, non va oltre l’1-1 (Mazzei – Rotunno) casalingo con il Borzoli; il Certosa si fa imporre il pari (1-1, Messina – Mela su rigore) da un Quiliano, che – seppur retrocesso – onora il torneo sino all’ultimo; mentre la sfida diretta tra Camporosso e Andora termina 2-2 (doppietta Trotti – Di Mario e Garassino).

Le doppiette di Curabba e Zunino determinano il pareggio, a suon di goal, tra Campomorone e Loanesi, che hanno dato vita a una bella partita.

Campomorone: Canciani, Parodi, Stabile, Fabris, Damonte, Giuri, Bruzzone, Cappellano, Savaia, Curabba, Gaspari

Loanesi: Moscato, Mollo, Gagliardo, Pastorino, Monti, Mansoupa, Carparelli, Balbo, Zunino, Fanelli, Insolito

Nella domenica delle “doppiette” non poteva mancare quella di Cisternino Palagano, autore del “knock-out” che ha steso il Bragno, andato a segno col “Toro” Marotta.