Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

I turisti danno il voto, e la Liguria prende 7 e mezzo

Genova. La Liguria turistica merita un sette e mezzo, e’ questa, infatti, la valutazione data dai visitatori internazionali della nostra regione secondo i dati resi noti da Unioncamere, che ha presentato il report sulla soddisfazione del turista e le ricadute economiche, giunto alla sua settima edizione.

L’identikit del turista che visita la liguria, spiega il Presidente di Unioncamere Liguria Paolo Odone, e’ quello di persone di età compresa prevalentemente fra i 21 e i 40 anni diplomati ed occupati. In genere prenotano attraverso internet uno o due mesi prima o non prenotano affatto, e si trattengono dalle 4 alle 6 notti.

I turisti nel 2015 sono stati per il 60,5% italiani e per il 39,5% stranieri. Hanno scelto il mare nel 79% dei casi (prediletto dagli italiani), le città d’arte nel 16% dei casi (predilette dagli stranieri), il verde nel 5% dei casi (di interesse simile per italiani e stranieri).

“Riscontriamo tra l’altro che gli stranieri (30%) ancor più degli italiani (20%), mostrano interesse per i nostri piatti e i nostri vini – sottolinea Odone – e le coppie rappresentano in media il 35% dei turisti che hanno visitato la Liguria”. Fra le voci che hanno riscontrato punteggio più basso, la presenza di connessioni WiFi gratuite sul territorio, la disponibilità di pacchetti/offerte per trasporto, biglietti integrati e la possibilità di usare mezzi pubblici in alternativa all’auto.

“Questo studio – spiega l’Assessore regionale al Turismo Giovanni Berrino – è basato su interviste realizzate sul territorio e dirette a circa 2.000 turisti (italiani e stranieri) in vacanza in Liguria, prendendo in considerazione sia i turisti che pernottano nelle strutture ricettive sia coloro che alloggiano nelle abitazioni private (seconde case, abitazioni in affitto, residenze di amici e parenti).

L’indagine mira ad individuare i tratti caratteristici, i punti di forza e le eventuali criticità delle destinazioni turistiche della regione, analizzando la customer satisfaction del turista-tipo che soggiorna nella regione, in generale, e nelle sue province, in particolare”.