Quantcast

Lettera al direttore

Fincantieri, Tosi (M5S): “Lavoratori come carne da macello. Siano garantiti sicurezza e reddito”

“Ai lavoratori Fincantieri siano garantiti sicurezza, qualità del lavoro e continuità di reddito”.

Lo dice il portavoce del MoVimento 5 Stelle Fabio Tosi, a margine della Commissione III Attività Produttive che questa mattina ha visto l’audizione dei sindacati dello stabilimento di Riva Trigoso sul caso dei dipendenti in cassa integrazione.

“L’azienda prende costruzioni a basso costo per sopperire ai vuoti lavorativi – spiega il portavoce pentastellato – Allo stesso tempo, i vertici si manlevano da ogni responsabilità, girando sui lavoratori la sicurezza diretta e imponendo ritmi vertiginosi in ambienti dove respirare è quasi impossibile. Sarebbe paradossale se alcuni lavoratori fossero costretti a intestare le loro proprietà a mogli o parenti per timore di rispondere di eventuali incidenti”.

“Il MoVimento 5 Stelle è sempre stato coerente nel difendere ambiente e salute e tutelare i diritti dei lavoratori – prosegue Tosi – Lo stabilimento Fincantieri di Riva Trigoso ha sempre prodotto navi ad uso civile e solo negli ultimi anni ha virato verso la produzione militare. Ma, al di là delle valutazioni politiche, in ballo qui c’è salvaguardia di dipendenti che sono stati traditi dai vertici di un’azienda il cui azionista di maggioranza è il governo”.

“La verità – conclude Tosi – è che in tanti in questi mesi si sono riempiti la bocca, obbedendo alle logiche di questo o quel partito. Ma nessuno ha mai pensato agli interessi dei lavoratori, le vere vittime di questa vicenda. Una vecchia, vecchissima, politica perfettamente incarnata dall’assessore allo Sviluppo Economico Edoardo Rixi, che mesi fa aveva promosso un incontro con le sigle sindacali, ma da allora nessuno l’ha più visto”.

“I governi che si sono succeduti in questi anni (compreso quello attuale) ci hanno lasciato in eredità un modello di sviluppo interamente da ripensare, da riadattare ai tempi che cambiano – conclude Tosi – Ma a pagarne il prezzo non possono essere i lavoratori, trasformati in carne da macello in nome di leggi promesse e mai mantenute, accordi firmati e subito dopo violati. I dipendenti di Fincantieri meritano rispetto, così come lo merita il territorio”.

MoVimento 5 Stelle Liguria