Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fincantieri, Bono: “Lavoro assicurato fino al 2021”. E punzecchia la Fiom: “Troppi scioperi

I sindacati: "Incontro positivo". A fine anno la fase esecutiva del ribaltamento a mare

Più informazioni su

Genova. Prima di ricevere il Grifo d’Oro dal sindaco di Genova Marco Doria l’amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono ha incontrato i sindacati per fare il punto sul futuro industriale di Sestri ponente che vede nuove navi e “lavoro assicurato fino al 2021”. “E’ stato un incontro positivo – ha commentato il segretario generale della Uilm Antonio Apa – noi abbiamo chiesto di definire la vertenza sul contratto integrativo ma abbiamo accolto l’invito di Bono rispetto al fatto che nei prossimi anni ci saranno notevoli carichi di lavoro a cui tutti dovranno contribuire perché siamo tutti sulla stessa barca”. “Oggi è certamente una giornata importante – aggiunge il segretario della Fim Alessandro Vella – dove si festeggia la continuità di un ‘azienda che è stata e potrà continuare ad essere un volano di sviluppo della città”.

Bono non ha mancato, come d’abitudine, di punzecchiare i sindacati, in particolare la Fiom a suo dire troppo “amante degli scioperi”. “Gli abbiamo risposto rivendicando la nostra storia – dice il segretario genovese della Fiom Bruno Manganaro – perché ciò che conta sono gli azionisti. Se i nostri azionisti, che sono i lavoratori,  riconfermano il ruolo della Fiom vuol dire che abbiamo svolto bene il nostro compito, così come ha fatto bene lui nel suo ruolo. Quindi è bene che ognuno faccia il suo mestiere”. La Fiom ha anche scherzosamente lanciato una proposta al sindaco: “Perché non dare il Grifo d’Oro anche ai sindacati e ai lavoratori che hanno difeso in questi anni le fabbriche genovesi?”. Unico nodo aperto è quello del ribaltamento a mare: “Siamo pronti a partire con le fasi esecutive già a fine anno – assicura il vicesindaco di Genova Stefano Bernini – rispettando la richiesta dell’azienda di fare in modo che i lavori non interferiscano con le attività del cantiere. Ma anche se non serve in questi prossimi anni, il ribaltamento a mare resta un’opera fondamentale per un ampliamento delle aree legate alla cantieristica o comunque per dare infrastruttura con uno sbocco al mare di cui Genova ha sempre bisogno”.

All’incontro presenti insieme a sindaco e vicesindaco, anche l’assessore allo Sviluppo Economico Emanuele Piazza e il presidente del Municipio Medio Ponente Giuseppe Spatola che ha ribadito come “Sestri ponente sia un tutt’uno con il cantiere per questo se da un lato ovviamente la ringraziamo, dall’altro rivendichiamo la nostra storia”.