Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Depressione, un libro per raccontare “il buio nell’anima”

Più informazioni su

Genova. “Spesso chi tenta il suicidio non desidera veramente morire ma solo porre fine a un dolore insopportabile. E io penso che si debba ascoltare questo dolore e aiutare a contenerlo”. E allora, per aiutare a superare il muro che la società moderna mette davanti alla parola suicidio Raffaele Sivolella, scrittore e poeta, ha deciso di raccontare nei suoi libri queste problematiche.

Scrittore suicida

“Credo che il silenzio non faccia altro che accrescere la vergogna è il pregiudizio che ancora oggi ci sono attorno alle tematiche del suicidio – spiega Sivolella – La parola suicidio, come depressione, disagio mentale, genera nelle persone un immediato desiderio di distacco, forse perché spesso è stata posta nel modo sbagliato. Raccontare in un libro i fatti, nudi e crudi, ma anche con autoironia è quasi con leggerezza può permettere di avvicinarsi a queste tematiche”.

L’autore, attivo nel campo della salute mentale, che collabora con diverse associazioni di volontariato ha presentato i suoi libri “il buio nell’anima” e “La stanza del gruppo” nel corso di un incontro promosso da Progetto Itaca e Il Ce.Sto di Genova ai Giardini Luzzati.