Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cuore Samp! Batte l’Udinese e la supera, salvezza a un passo risultati fotogallery

Vittoria determinante

Genova. Una vittoria determinante. In un sol colpo la Samp conquista i tre punti e scavalca l’Udinese, mettendo ulteriore fieno in cascina, allungando ulteriormente la distanza con le squadre in lotta per la salvezza. In tanti avrebbero firmato per il pareggio, ma la Samp ha saputo attendere, senza essere precipitosa, come Montella predica da sempre e il gol è arrivato nel secondo tempo, anche in maniera fortunosa, ma poco importa. Ora 36 punti sono sufficienti per giocare con più tranquillità quel che resta del campionato.

Senza Cassani e Correa squalificati, Montella opta per un 3-5-2, con Diakité e Muriel dal primo minuto. Confermato titolare dopo Firenze anche Krsticic. In tribuna assente il presidente Ferrero.

Prima occasione al 3′ per l’Udinese: calcio d’angolo di Lodi, Danilo, lasciato libero, colpisce male al volo, palla fuori di poco. La Samp risponde con un bello schema su un corner battuto corto e palla appoggiata per l’accorrente Dodo, che dal limite dell’area prova il destro, ma il piattone termina alto (6′).

Ancora blucerchiati pericolosi al 9′, quando Quagliarella vede Karnezis fuori dai pali e da molto lontano prova a sorprenderlo, il portiere rientra frettolosamente e riesce a bloccare in extremis.

Al 15′ Widmer scatta sul filo del fuorigioco e riceve un lancio dalle retrovie, tra lui e la porta non c’è nessuno, ma inspiegabilmente il centrocampista bianconero preferisce un assist in orizzontale verso un compagno che non c’è.

La Samp rischia ancora sul filo del fuorigioco, ma stavolta Thereau viene stoppato dal guardalinee (22′). Al 23′ Quagliarella mette in mostra il repertorio acrobatico con una bellissima rovesciata su cross di De Silvestri, che però termina centralmente tra le braccia di Karnezis. L’attaccante napoletano è in grande forma e sfiora la rete al 29′ con un altro colpo dalla distanza a sorprendere Karnezis che tocca la parte superiore della traversa.

L’Udinese torna a essere pericoloso un minuto dopo: Thereau mette in mezzo per Zapata, il colpo di testa è fuori dallo specchio della porta di un niente.

Il duello Quagliarella-Karnezis si arricchisce di un nuovo episodio al 32′ quando da posizione molto defilata l’attaccante prova il destro a giro sul secondo palo, il portiere si distende e sembra deviare in angolo, ma per l’arbitro il tocco non c’è stato e fischia la rimessa dal fondo.

La partita si scalda quando Kuzmanovic stende Dodo con un brutto fallo, il giocatore, che tra l’altro era già intervenuto duramente su Barreto neanche un minuto prima, viene ammonito e mostra molto nervosismo.

L’occasione forse più ghiotta del primo tempo però capita sulla testa di Muriel: cross di Soriano dalla destra, il colombiano salta, ma non riesce ad arrivare bene sul pallone, pur essendo a pochi centimetri dalla linea di porta, risultato: Muriel contro la rete, palla fuori e Quagliarella alle sue spalle che si mangia le mani perché era sicuramente meglio piazzato (42′).

Ammonito anche Moisander per una scivolata in ritardo su Hallfredsson. Nel primo dei due minuti di recupero ancora Muriel costringe Karnezis in una parata a terra.

Nella ripresa nessun cambio e un nuovo cartellino giallo al primo giro d’orologio, Muriel in ritardo su Kuzmanovic.

Il secondo tempo, giocato al piccolo trotto, subisce uno scossone al 55′ quando Quagliarella se ne va sulla sinistra e mette in mezzo per l’accorrente De Silvestri, che d’esterno si mangia il gol del vantaggio da posizione ghiottissima.

È il break decisivo, perché la Samp riprende coraggio, mentre l’Udinese sembra calare fisicamente: la fortuna aiuta gli audaci e la squadra di Montella passa in vantaggio grazie a una deviazione determinante di Armero su un cross di Muriel, che inganna Karnezis (57′).

Il raddoppio potrebbe arrivare subito dopo: al 60′ Soriano viene liberato da una magia di tacco di Quagliarella, ma spara addosso a Karnezis in uscita.

Cominciano i cambi: fuori Hallfredsson dentro Matos (63′) e Muriel, per Cassano (65′). Altro giallo per la Samp (Diakité) e altra sostituzione per l’Udinese (Piris ha problemi a un piede e lascia posto a Wague). Dentro anche Ivan per Soriano (71′), proprio lui è protagonista della ripartenza fermata con una spallata violenta da Widmer al limite dell’area.

Sul rovesciamento di fronte è l’Udinese ad andare vicino al gol con Lodi, tiro in porta ma Moisander si immola.

Al 75′ gli ultimi cambi: Edenilson per Heurteaux e Fernando per lo sfortunatissimo Ivan, che esce dolorante alla schiena per il colpo ricevuto da dietro durante l’azione che lo ha visto da protagonista.

L’Udinese ci prova, gettandosi in avanti, ma è la Samp a chiudere la partita all’85’ con una bella azione di Cassano, passaggio orizzontale al limite dell’area, velo di Quagliarella e Fernando che non sbaglia e insacca.

A Quagliarella è mancato solo il gol, potrebbe timbrare proprio al 90′, innescato da un gran lancio di Cassano, ma Karnezis dice di no di piede in uscita.

Nei sei lunghissimi minuti di recupero l’Udinese ci prova ancora, con Viviano che compie un miracolo su colpo di testa di Zapata e dice di no all’ultimo disperato assalto.

Fischio finale e festa sotto la Sud, peccato per l’ultimo giallo a Ranocchia che era diffidato e salterà il Milan.

Sampdoria-Udinese 2-0

Reti: 57′ Armero (A); 85′ Fernando

Sampdoria: Viviano, Diakité, Ranocchia, Moisander, De Silvestri, Barreto, Krsticic, Dodô, Soriano (71′ Ivan; 75′ Fernando), Muriel (65′ Cassano), Quagliarella.

A disposizione: Puggioni, Brignoli, Rodriguez, Palombo, Christodoulopoulos, Silvestre, Skriniar.

Allenatore: Montella.

Udinese: Karnezis, Heurtaux (75′ Edenilson), Danilo, Piris (68′ Wague), Widmer, Kuzmanovic, Lodi, Hallfredsson (63′ Matos), Armero, Zapata, Théréau.

A disposizione: Romo, Meret, Domizzi, Perica, Pasquale, Felipe, Iniguez, Balic.

Allenatore: De Canio

Arbitro: Russo di Nola

Ammoniti: Moisander, Muriel, Diakité, Ranocchia (S), Kuzmanovic (U)

Spettatori: 19.114 abbonati, rateo 152.366, paganti 1.501 incasso lordo 30.735 euro.