Quantcast
Situazione drammatica

Switch, ancora nessun amministratore per la società. Cassa in deroga per Giglio e Maris

Genova. Ancora nessuna novità per i lavoratori della Switch, che insieme alle cooperative Giglio e Maris lavoravano fino a dieci giorni fa nel settore della raccolta differenziata e della disinfestazione degli ospedali.

Oggi i lavoratori hanno incontrato l’assessore regionale al lavoro Gianni Berrino per fare il punto al fine di attivare la cassa integrazione straordinaria, ma per i lavoratori della Switch questo è al momento impossibile visto che nonostante le voci che si sono rincorse per giorni, ad oggi ancora nessun amministratore si è fatto avanti per assumere la responsabilità legale della società. L’ultima strada resta quella del Tribunale che potrebbe individuare un curatore legale ma non se ne conoscono i tempi.

Situazione lievemente diversa per i lavoratori di Giglio e Maris, due cooperative sociali subappaltanti di Switch per i quali lunedì i sindacati firmeranno la richiesta della cassa in deroga. Maris ha già comunicato infatti che da lunedì avvierà il licenziamento collettivo per i 15 dipendenti. Ma i tempi di concessione e di pagamento della cassa, si sa, sono molto lunghi e prima di sei mesi questi lavoratori, che già si ritrovavano con tre mensilità arretrate, rischiano di non percepire alcun reddito.

Più informazioni