Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sturla in festa, l’altra vita del depuratore: raccolta di idee per riqualificare l’area

Più informazioni su

Genova. Un punto di incontro per tutti, famiglie, bambini, giovani e anziani. Qualche gioco, un ritrovato decoro. Così i cittadini di Sturla immaginano la nuova vita dell’area sopra il depuratore.

Per tradurre il sogno in realtà il Comitato per la difesa di Sturla si è inventato una Festa, con il patrocinio del Comune di Genova Municipio IX Levante, un modo divertente per sensibilizzare la cittadinanza, e lo stesso Municipio, sul futuro di questo ampio spazio affacciato sul mare, ora lasciato a sé.

“Vogliamo che sia riqualificato e che tutti esprimano la propria idea in questa prima fase di discussione e progettazione”, spiega il Comitato. Tra i soci “Sturl & Truppen” (il logo scelto dal Comitato) e i ragazzi della scuola media qualche idea ha già preso forma: free wifi, rampe skate, solarium, teatro all’aperto, per citarne alcune. “Senza, però, dimenticare i limiti oggettivi di fattibilità”, fanno notare dal Comitato.

“Il 20 marzo raccoglieremo le idee e poi le presenteremo al tavolo di lavoro creato ad hoc dal municipio di levante”, sottolineano infatti gli organizzatori, “siamo tutti volontari con la voglia che cambi qualche cosa, per vedere un quartiere diverso, più bello e più vivibile”. La speranza è che dal tavolo di lavoro nasca qualcosa di concreto, un bando, per esempio.

In occasione della festa, i bambini della scuola materna Chighizola e della scuola primaria Vernazza, doneranno un vecchio indumento con il proprio nome. “Li appenderemo tutti come gesto simbolico per dimostrare quanti bambini potrebbero usufruire di questo spazio se fosse riqualificato”.

Anche i ragazzi della scuola media Detoni hanno preparato cartelli per indicare le aree dei possibili utilizzi di questo spazio: giochi per bambini, bar, “sgambettamento cani”, knit caffè ed altri.

Sarà poi presente un gruppo spontaneo di professioniste della maglia e dell’uncinetto, protagoniste dello Yarn Bombing, l’arte di strada che impiega filati lavorati a maglia o ad uncinetto, già ben conosciuta in città. Una ventina le signore di Sturla che per l’occasione copriranno pali e ringhiere del depuratore con le loro opere d’arte. 

Inoltre ci saranno laboratori musicali, di lettura ad alta voce, sportivi, ecologici e persino di conoscenza del cane, tutti seguiti da volontari o da associazioni che operano nel territorio e che sono legati in vario modo al quartiere Sturla.

Presenterà la giornata Matteo Merli, figlio d’arte di Bunny storico pittore e cantautore dialettale conosciuto da tutto il Borgo. I canterini della squadra di Genova eseguiranno brani della tradizione popolare in dialetto genovese. Il maestro Valerio Frizzo, milanese di nascita ma sturlese di adozione, musicoterapeuta e saxophonista di eccezione. La racconta-storie Anna Morchio farà uno spettacolo tutto dedicato ai Bambini.

Ma la festa è solo la prima di una serie di iniziative. Nei prossimi mesi infatti, Amiu, le associazioni di promozione sociale Al Verde e Matermagna e il Comitato per la Difesa di Sturla organizzeranno dei mercatini sull’area sopra il depuratore per lo scambio di beni ancora utilizzabili e promuoverne il riuso. In particolare il 22 aprile e il 5 giugno saranno incentrati sullo scambio di ingombranti e apparecchi elettrici ed elettronici.