Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sincro: la squadra azzurra è qualificata alle Olimpiadi

Le italiane sono terze: torneranno ai Giochi dopo 12 anni

Genova. C’è una canzone della Disney che è un inno alla gioia: “I sogni son desideri”. Oggi al Maria Lenk Acquatic Centre di Rio de Janeiro, che ospiterà le gare olimpiche del nuoto sincronizzato dal 9 al 14 agosto, la Squadra azzurra realizza il sogno di tornare a calcare il palcoscenico olimpico che mancava da Atene 2004.

Le azzurre Elisa Bozzo, Beatrice Callegari, Camilla Cattaneo, Francesca Deidda, Costanza Ferro, Manila Flamini, Mariangela Perrupato, Sara Sgarzi danzano sulle note di “The Season on Earth” di Michele Braga, con coreografie della pluricampionessa olimpica e mondiale Anastasia Ermakova e del francese Stephane Miermont, ottengono 92.0667 punti (27.4 per l’esecuzione; 37.0667 per l’impressione artistica, 27.6 per la difficoltà) con un incremento di 2.5 rispetto al tecnico e si piazzano terze con 181.7487 punti, staccando l’ultimo pass utile per accedere ai Giochi Olimpici. Quarto il Canada con 181.0384 punti.

Distanziata la Spagna, quinta, addirittura di 2.9 punti (178.8970). Quello che poteva sembrare un sogno lo scorso anno quando, il 31 luglio ai campionati mondiali di Kazan, le azzurre chiusero seste il libero (91.4667) ad un punto di distacco dalle iberiche (rosicchiati ben cinque punti in due anni), si è materializzato.

All’esercizio olimpico di Squadra parteciperanno otto selezioni (Egitto, Russia, Australia e Cina già qualificate e il Brasile quale paese ospitante) e le prime tre di questo preolimpico, vinto dall’Ucraina (186.7855) davanti al Giappone (186.7330), che ha ottenuto il punteggio più alto della routine libera con 94.6333.

Per l’Italia sarà la quarta partecipazione olimpica dopo Atlanta 1996, Sydney 2000 e Atene 2004 con due sesti ed un settimo posto: miglior punteggio di 95.177 a Sydney 2000.

E’ un sogno che si è avverato e siamo felicissime – parla a caldo e visibilmente commossa il responsabile tecnico delle nazionali Patrizia Giallombardo -. Ringrazio la Federazione Italiana Nuoto che ha creduto al progetto e ci ha messo in condizioni ideali per svolgere il nostro lavoro a 360°, curando ogni dettaglio; un ringraziamento speciale a Roberta Farinelli e a tutto lo staff della Squadra perchè in questi mesi abbiamo parlato un unico verbo. Ognuno di noi ha messo da parte i propri egoismi e ha dato tutto per la squadra. Un grazie anche a Michele Braga che ha scritto una muscia ad hoc per esaltare il nostro lavoro. Le atlete hanno saputo cambiare mentalità lavorando per un obiettivo comune e step by step crescere limando limiti e debolezze. Sono state tre settimane a Rio meravigliose, durante cui percepivamo miglioramenti quotidiani. Ripeto: siamo un team e l’unione fa la forza. Adesso ragioneremo a freddo e troveremo altre strategie per ben figurare ai Giochi Olimpici. Grazie a tutti”.

Da Roma giungono i complimenti del presidente Paolo Barelli: “Desidero complimentarmi con la Squadra, lo staff e il ct Patrizia Giallombardo per questa storica qualificazione che riporta le azzurre alle Olimpiadi dopo 12 anni. Abbiamo sempre creduto nel progetto della nazionale di nuoto sincronizzato, peraltro favorendone lunghi collegiali tra Savona e il centro federale di Pietralata, a Roma. Questo risultato è la dimostrazione che con il lavoro, la determinazione e la passione niente è precluso. In un ciclo olimpico abbiamo superato squadre di prestigio come Spagna, bronzo olimpico a Londra 2012, e Canada. Le squadre nazionali sono la priorità di tutti e i loro risultati appartengono all’intero movimento formato da società, dirigenti, tecnici e atleti che si sacrificano giorno dopo giorno. Complimenti a tutti. E’ il momento di festeggiare, sapendo che si sono gettate le basi per migliorare ancora in futuro“.

Clicca qui per vedere i risultati completi.