Quantcast
Pallanuoto

Locatelli e Albaro Nervi ancora battute in campionato

La Locatelli paga tante assenze ed è costretta a convocare due Under 13; naufragio delle nerviesi a Como

Varie Sport 2015-2016

Altra giornata storta per le due genovesi impegnate nel campionato A2 di pallanuoto, sconfitte entrambe sia la Locatelli che l’Albaro Nervi.

E se per quest’ultime si poteva prevedere una giornata difficile, per la Locatelli a fare la differenza sono state le assenze: fuori Figari, Giulini e Benvenuto con ben due Under 13 chiamate dal coach Garalti Giorgetti. Stabilito il record con una bambina, in pratica convocata con la prima squadra, solo per numero naturalmente, Irene Rossi, classe 2005 e Clelia Donato del 2003 vengono aggregate a una Locatelli in piena emergenza che alla fine soccombe contro il Vela Nuoto Ancona.

Partenza pessima delle genovesi che subiscono subito una rete evitabile da posizione 4, con grandi responsabilità di Bacigalupo. Reazione immediata delle biancorossoblu che pareggiano con Tignosini, ma poco dopo, in inferiorità numerica, subiscono il gol di De Matteis e poi quello di Strappato dopo una brutta palla persa in fase offensiva.

Nel secondo parziale, le marchigiane allungano ulteriormente sfruttando ancora gli errori delle liguri. Così Nucifora perde una palla facile facile e lancia il contropiede dell’Ancona e che con Di Martino per il parziale 1-4. Gagliardi riapre i giochi con un bel fendente basso da posizione 4, ma ancora una volta sono gli errori delle genovesi a consentire alle avversarie di volare nuovamente a +3 con un gol su rigore di De Matteis. Poco prima del termine, Ferretti piazza anche il 2-6.

Si va al cambio campo e le padrone di casa provano una timida reazione frutto di un’azione personale di Nucifora che mette il 3-6. Arriva poi un botta e risposta che porta il parziale sul 4-7. L’ultima frazione si apre con un altro botta e risposta fra De Matteis e Puskas che spostano il punteggio ancora sul 5-8. Poi le marchigiane piazzano un break che sarà decisivo andando a segno con Altamura e con la “solita” De Matteis che sigla il 5-10. La reazione importante della Locatelli arriva, è forte, ma troppo tardiva. Ricchini piazza due gol, seguita da Nucifora che mette l’8-10, ma il tempo ormai è scaduto e le genovesi devono sono recriminare contro sè stesse per un match tutt’altro che impossibile da vincere, anche con le assenze suddette.

Anche coach Garalti Giorgetti è chiaro: “Potevamo giocarcela meglio. Abbiamo sbagliato troppo nei primi due tempi e la reazione è arrivata troppo tardi. Piangersi addosso, però non ci serve, dobbiamo pensare solo a lavorare e giocare bene. Abbiamo due settimane per preparare una partita che potremo giocarci”.

L’Albaro Nervi non è messa certo meglio, visto che subisce un’altr scoppola importante, dal Como Nuoto stavolta. La squadra di De Salsi paga ancora un approccio troppo timido e pauroso alla partita, un approccio dovuto alla giovanissima età delle ragazze scese in acqua contro le lariane.

Como praticamente perfetto dall’altra parte che chiude il primo quarto sul 4-1, e dilaga ampiamente nel secondo (7-2) chiudendo i conti.

La reazione delle genovesi arriva al cambio campo, nel terzo tempo, perso comunque 3-1, ma alla fine un nuovo crollo nell’ultima frazione in cui le comasche sono impietose e ne mettono altre 7.

alla fine il punteggio dirà 21-5, frutto di inesperienza e poca convinzione. Le nerviesi dovranno abituarsi a non mollare anche in casi di passivi pesanti come questo, ma crescere per le ragazze liguri sarà più complicato in un clima sfiduciato come questo.

La pausa pasquale giunge al momento giusto per ricaricare le pile e provare ad invertire la rotta per entrambe le squadre. Nel prossimo turno la Locatelli sfida il Verona, per una partita che potrebbe consentire alle biancorossoblu un sorpasso in classifica alle venete, avanti due punti per ora. L’Albaro Nervi attende invece il Varese Olona Nuoto.

Più informazioni