Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La street art per colorare i muri di Arenzano: la proposta di Robello

Più informazioni su

Arenzano. È di questi giorni la notizia dei murales cancellati a Bologna dall’artista Blu per protestare contro l’organizzazione di una mostra di street art in cui le opere venivano staccate dal muro e collocate in un museo. Da Arenzano arriva invece una proposta che va in una direzione opposta: destinare spazi murali cittadini alle opere dei writers.

A portarla avanti è Giacomo Robello, del gruppo consiliare Arenzano e Libertà, chiedendo con un’interrogazione alla giunta, che il Comune metta a disposizione degli artisti di strada muri di sua proprietà o concessi da privati: “È un’iniziativa già sperimentata oltre che in Europa anche in diversi comuni italiani – spiega Robello – consentirà così di mettere in atto anche interventi di riqualificazione per aree poco vitali e più distanti dal centro coinvolgendo i giovani artisti”.

L’idea è arrivata percorrendo la passeggiata della Marina Grande che potrebbe essere una delle aree interessate insieme a Lungomare Olanda e a alcuni sottopassaggi. Il Comune dando la concessione potrà far adottare un regolamento che non vincoli la libertà dell’artista ma consenta all’amministrazione comunale di cancellare a posteriori eventuali scritte o disegni offensivi o volgari. “La scelta degli artisti potrà essere fatta attraverso l’istituzione di un bando – conclude Robello – o comunque con un metodo che consenta di far partecipare il maggior numero di persone possibile”. Un’idea moderna per dare un’immagine nuova e artistica alla città attraverso una forma di espressione diffusissima.