Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Lavagnese si prende il derby e ci crede ancora. Sestri Levante colpaccio in trasferta risultati

I corsari soffrono, ma strappano tre punti d'oro al Chieri. Bianconeri che vincono con autorevolezza il derby con il Ligorna. Cade un ottimo RapalloBogliasco

30^ Giornata nel campionato di Serie D che si ritrova in infrasettimanale a causa dello spostamento del Torneo di Viareggio, con risultati importanti per le genovesi.

Derby dagli obbiettivi opposti quello fra Lavagnese e Ligorna con i bianconeri in cerca di punti che manterrebbero vivo il sogno di poter ancora puntare in alto, specie con una Caronnese che lascia punti per strada continuamente e potrebbe perdere presto il primato visto che il Bellinzago (a -1 dai rossoblu) devono recuperare una partita.

Il Ligorna d’altra parte era chiamato al colpaccio esterno per guadagnare punti sulle squadre che lottano per la salvezza. Alla fine ha prevalso il cinismo e il maggior tasso tecnico dei padroni di casa che hanno vinto con un 2-0 all’inglese. La squadra di Pandiscia si schiera in modo prudente, cercando di preservare almeno il pareggio per poi ripartire in contropiede sfruttando i propri esterni veloci, mentre i Dagnino Boys tengono in mano il gioco tessendo trame di gioco avvolgenti.

All’11° primo brivido con Brega che colpisce la traversa da posizione defilata. La risposta ligornese è affidata a Valenti che ci prova dalla distanza, Gilli para in sicurezza. Il ritmo dei padroni di casa si alza e al 29° Brega chiama al colpo di reni Dondero. Un minuto dopo Ferrando cerca la seconda rete consecutiva di testa, ma il pallone passa a lato. La Lavagnese ci prova, ma il Ligorna tiene duro e pare poter arrivare alla ripresa sullo 0-0.

Non è della stessa opinione Forte, che riceve un ottimo assist da Oneto che lo imbecca per uno splendido colpo di testa che si insacca nell’angolo opposto a Dondero, incolpevole, che deve limitarsi a guardare la sfera entrare alle sue spalle.

Il Ligorna parte a razzo nel secondo tempo e ci prova al 49° con Cataldo e un minuto dopo con Ghiglia che trovano Gilli preparato. Al 53°, però i tentativi dei biancoblu vengono ghiacciati da Balestrero che recupera la respinta della difesa avversaria e lascia partire un siluro che fulmina Dondero per il 2-0 che piega le gambe ai ragazzi di Pandiscia. La risposta degli ospiti infatti non arriva e Croci prova a piazzare la terza rete, ma l’azione sfuma.

La gara rallenta, con il Ligorna scoraggiato dall’ottimo palleggio della Lavagnese che sostanzialmente controlla il match fino al triplice fischio.

Per i bianconeri tre punti che fanno sperare ancora, la vetta è attualmente a 5 punti, un gap non impossibile da colmare, mentre il Ligorna viene agganciato dalla Pro Settimo a 32 punti e torna, dopo appena tre giorni in zona playout.

Perde il RapalloBogliasco contro il Pinerolo che interrompe una striscia positiva che durava dal 6 gennaio scorso. Anche qui un punteggio all’inglese, che riduce le speranze dei ruentini di agganciare il treno playoff (attualmente lontano 12 punti). Va detto che il Pinerolo si è dimostrato cinico e i rapallesi recriminano una direzione di gara ai limiti della provocazione personale da parte della terna arbitrale. I piemontesi sanno soffrire e colpire quando devono. Quindi al 5° Rignanese, lasciato colpevolmente solo al limite dell’area riceve palla rasoterra direttamente dal calcio d’angolo e batte di interno sinistro. Nulla da fare per Nava.

Dopo il vantaggio avversario la squadra di Coppola non si scompone e sciorina gioco elegante e veloce. Il primo tiro è di Guerci, ma il centrocampista è impreciso. Un minuto dopo ci riprova Cammaroto, ma la sua punizione è fuori dallo specchio.

All’8° Toledo si porta a spasso la difesa e calcia, ma colpisce un avversario. Un minuto dopo ancora il fantasista brasiliano controlla bene e calcia, ma Zaccone vola e para. Sull’angolo seguente Bonvissuto (prima presenza da titolare per l’ex Cittadella) anticipa tutti intervenendo sul primo palo, ma Zaccone è prodigioso a mandare ancora in angolo. Sullo stesso corner Benga viene steso platealmente da Noia. Dal dischetto va Bonvissuto che, però non è freddo e si fa parare il tiro.

Incredibile quanto accade dopo. Zaccone rinvia, il RapalloBogliasco è sbilanciato in avanti e Dalla Costa in area calcia di potenza cogliendo in pieno il palo, sulla sfera si avventa Sardo che anticipa Picasso. Il giovane terzino sgambetta l’avversario. Ammonizione e rigore che Dalla Costa trasforma e al 13° è già 0-2 per il Pinerolo che capitalizza al massimo.

Il RapalloBogliasco continua a giocare tenendo perennemente il controllo palla, mentre i piemontesi si limitano a cercare di ripartire in contropiede o a sfruttare le palle inattive. Al 17° Russo salta due uomini, ma non il terzo che lo sgambetta platealmente, ma l’arbitro non fischia fra le proteste dei bianconeri.Al 23° ancora Russo protagonista di un calcio di punizione dai 20 metri. Tiro basso che chiama Zaccone a distendersi e respingere in corner. Il Pinerolo è in affanno, ma assistito da una buona dose di fortuna. Specie quando ancora il numero 11 ruentino controlla spalle alla porta e si gira fulmineo calciando al volo, palla che supera Zacccone, ma si infrange sulla traversa.

Poco dopo Picasso spreca una super occasione sul cross di Zivkov dalla sinistra è ottimo il tempo del bianconero che di testa manda a lato di un soffio. Il Pinerolo non si vede quasi mai, ma quando avanza il RapalloBogliasco rischia. Come al 29° quando su calcio d’angolo la palla passa radente fra una selva di gambe e trova Noia che di piattone al volo colpisce la traversa.

Ancora Russo protagonista per i rapallesi con un’azione personale che, però sfuma per l’ottima parata dell’estremo difensore pinerolese. Nella ripresa il leit motiv non cambia se non per il fatto che il Pinerolo si schiera con una sorta di 8-1-1. Ovvero tutti dietro a difendere il vantaggio con Nava che deve fare più da libero che non da portiere vero e proprio. L’unica conclusione degna di nota dei biancoblu è di Dalla Costa che protegge bene palla e calcia centrale, Nava para.

I ruentini attaccano, ma faticano a trovare spiragli nella difesa infarcita di giocatori del Pinerolo. Ci vuole un tocco magico per penetrare, e lo ha Toledo che rientra da destra e calcia, cogliendo in pieno l’incrocio dei pali. Pare il segnale che rende noto che oggi per il RapalloBogliasco non è giornata. Nel prosieguo i bianconeri conservano il possesso palla, ma qualche fallo di troppo non fischiato e l’atteggiamento provocatorio dei piemontesi fanno saltare i nervi ai rapallesi che rimangono in dieci all’81° per l’espulsione diretta di Zivkov, il quale probabilmente ha detto qualche parolina di troppo all’arbitro.

Finale incandescente poi con Dalla Costa che al fischio finale esulta provocatoriamente di fronte alla panchina di Coppola. Barwuah reagisce e si becca il rosso, mentre l’attaccante piemontese se la cava senza sanzione.

Nulla è perduto, dopo due prestazioni non eccellenti, ma efficaci, il RapalloBogliasco cade, ma con un bel gioco che promette una posizione, se non nei playoff, certamente fra le prime otto.

Vittoria infine per il Sestri Levante, che torna ad incidere anche in trasferta, con una prestazione di grande sacrificio e cuore. Contro il Chieri, squadra in difficoltà, ma ad alto tasso di esperienza e tecnica, i rossoblu giocano senza timori reverenziali e piazzano il colpaccio.

Al 13° è già 0-1 con il giovane Bondi che aggancia un lancio dalla trequarti, entra in area e fulmina Gilardi con un preciso diagonale. Due minuti dopo ci prova anche Usai, ma Gilardi respinge con qualche affanno. Al 21° si vede il Chieri con Semioli che serve Pasquero che protegge palla e si gira in un lampo, Stancampiano si rifugia in corner. Sul tiro dalla bandierina Giacomoni di testa chiama ancora il numero uno corsaro alla parata.

Al 24° pareggio dei locali che colpiscono in contropiede. Semioli si invola sulla destra, cross in area e deviazione puntuale di Pasquero che punisce il rientro tardivo dei difensori. I corsari non stanno a guardare e cinque minuti dopo Guitto, ben servito da Boisfer calcia radente da posizione defilata, ma colpisce la base del palo. Dieci minuti dopo replica dei torinesi con Fortunato che in area sbaglia completamente e spedisce a lato.

Nella ripresa il Chieri inizia pressando: al 63° Pasquero calcia di potenza dalla distanza, Stancampiano sventa con l’aiuto del palo. Al 67° Di Renzo si fa vedere con una bella conclusione in diagonale che sfiora l’incrocio dei pali. I rossoblu soffrono e all’89° Bondi si invola a sinistra, cross teso respinto da Gilardi, sulla respinta si avventa Provenzano che da due passi insacca e regala tre punti fondamentali ai corsari che si avvicinano proprio al Chieri ora distante sei lunghezze.

Nel prossimo turno il RapalloBogliasco sarà di scena a Castellazzo contro il fanalino di coda del campionato per cercare di rialzare subito la testa. Scontri importanti per il vertice quelli fra Sporting Bellinzago e Sestri Levante e Pinerolo – Lavagnese. In base ai risultati di domenica si potrebbe arrivare a un turno pre-pasquale che potrebbe cambiare tutto lassù.

Il  Ligorna ospita il Derthona, che ha fermato la Caronnese nel turno odierno. Partita ostica, ma non impossibile.