Piazza de ferrari

Genova, violoncelli e tutù contro la buona scuola

Il flash mob degli studenti dei licei musicali e coreutici

Genova. Violoncelli, flauti e tutù in piazza anche a Genova per la protesta organizzata a livello nazionale dagli studenti dei licei musicali e coreutica italiani contro le nuove regole imposte dalla legge sulla ‘Buona scuola’. “Non toglieteci docenti preparati”, “Ogni grande artista ha un grande maestro” hanno scritto i ragazzi sugli striscioni esposti mentre i loro compagni per tutta la mattina hanno suonato e ballato in piazza De Ferrari.

“Volevamo far vedere cosa ci hanno insegnato fino ad oggi e come per noi sia importante mantenere la continuità didattica con i nostri insegnanti di strumento – racconta Moreno Lombardo della terza M del liceo musicale Pertini – che invece dal prossimo anno non ci saranno più perché non possono accedere al concorso”.

Una situazione simile viene denunciata dagli studenti dei licei coreutica: “Da noi – spiega Anna Michelis, terza A del liceo Gobetti – la storia della danza per la quale fino ad oggi avevano un insegnante specifico sarà insegnata dal docente di tecnica della danza e sopratutto non avremo più l’accompagnamento del pianoforte per le ore di danza classica e danza contemporanea, che in questi anni ha fatto si che molti ragazzi scegliessero questo tipo di liceo”. La protesta è nata spontanea grazie al passa parola tra gli studenti di tutta Italia: “Ci siamo sentiti in queste settimane tra studenti di diverse scuole italiane e ci siamo organizzati per difendere il valore formativo delle nostra scuole”.

Più informazioni
leggi anche
Renzi Pagliaccio, manifesti del Blocco Studentesco
Il blitz
Blocco Studentesco contro la Buona Scuola: a Genova manifesti di “Renzi pagliaccio”
corteo studenti
Corteo
“No alla Buona Scuola”: a Genova gli studenti tornano in piazza
Maurizio landini
Fiom
Jobs Act e “buona scuola”, Landini a Genova: “Valuteremo un referendum abrogativo”
Cobas scuola presidio
Buona scuola
Genova: insegnanti in piazza contro la “buona scuola”