Quantcast
Città metropolitana

Centri per Impiego, i lavoratori: “No chiusura di Ponente e Valpolcevera”

"Insostenibile la concentrazione sul CPI di Medio Ponente"

Genova. No alla chiusura dei Centri per Impiego Ponente e Valpolcevera. Lo chiedono i lavoratori di Servizi Per l’Impiego e Politiche Attive del Lavoro della Città Metropolitana di Genova, riuniti ieri in assemblea.

Al centro la contestata decisione della Città Metropolitana di chiudere i CPI di Ponente e Valpolcevera, cui segue la richiesta di ritiro del provvedimento. “Renderebbe insostenibile la concentrazione sul Centro Per l’Impiego di Medio Ponente di oltre il 40% dell’utenza metropolitana e chiedono il ritiro di tale provvedimento”, sottolineano i lavoratori.

Alla Regione, invece, inviano una duplice richiesta: presentare “rapidamente e pubblicamente” un piano di attuazione ed organizzazione di Servizi per l’Impiego e Politiche Attive del Lavoro, attivando il tavolo di confronto con i sindacati, anche per definire i Livelli Essenziali delle Prestazioni da erogare.
Non ultimo “un investimento per rafforzare gli attuali servizi pubblici per il lavoro, a cominciare da un piano di formazione e riqualificazione straordinario degli Operatori”.

Più informazioni
leggi anche
  • Genova
    Centri per l’impiego, Pd: “No alla chiusura di Voltri e Teglia”
  • L'impegno
    Lavoro, Cavo e Berrino: “Migliorare l’efficacia dei centri per l’impiego
  • I dati
    Centri per l’impiego, a Genova per il primo colloquio ci vogliono tre mesi: il bilancio amaro di ‘Garanzia giovani”
  • Il dibattito
    Città Metropolitana: centri per l’impiego, da sei a quattro