Quantcast

Lettera al direttore

Usb Tigullio: “Signor Toti, la sanità pubblica non si privatizza”

Era chiaro già da tempo. Toti e la sua giunta vogliono definitivamente privatizzare la sanità ligure. Si è aspettata la pantomima dell’incontro di ieri 15 febbraio , chiamandola stati generali della sanità ligure, per annunciare quello che aveva già dichiarato più volte ad inizio mandato.

Per la sanità del Tigullio a rischio quindi l’Ospedale di Rapallo e la Rsa (Residenza Sanitaria Assistita) di Chiavari, già oggetto rispettivamente di parziale privatizzazione lo scorso anno e di esternalizzazione nel 2013. Progetti poi abbandonati grazie anche alla raccolta firme dei Comitati cittadini e del nostro Sindacato.

Favorire quindi l’entrata dei privati come nella sanità lombarda.
Il famigerato “modello lombardo”, cioè lo spostare ingenti risorse dal pubblico al privato continuando a mantenere valida l’equazione più privato uguale a più salute dei cittadini e meno costi per le casse pubbliche quando i fatti dimostrano tutto il contrario.
Le varie inchieste giudiziarie recenti hanno infatti appurato come imprenditori privati della sanità versavano tangenti a politci e funzionari pubblici per ricevere appalti e finanziamenti dalla Regione e dove strrutture private come la famigerata Clinica degli orrori , la Santa Rita, il San Raffaele e la Maugeri “usavano” il paziente per la costituzione di fondi neri.
E’ così che l’ ex governatore Roberto Formigoni (sotto processo), esponente di spicco di Comunione e Liberazione, e l’attuale ,il leghista Roberto Maroni, hanno gestito e gestiscono tutt’ora la sanità lombarda.

La sanità privata, come ogni altra impresa, è dedita al profitto, si punta a guadagnare.
Laddove si parla di diritto alla salute è subito chiaro che il guadagno pone chi produce farmaci o somministra cure in evidente e palese conflitto d’interesse all’ origine.
Se si lascia la sanità e la ricerca in mano a chi cerca esclusivamente il profitto è più che ovvio che non tutela più un bel nulla. Anzi qualcosa in verità forse tutela: il profitto delle cliniche private.
Mettetevelo in testa tutti quindi , nelle privatizzazioni in sanità ci guadagnano solo i privati e i politici amici dei privati e a perderci sono solo i cittadini.

Il sig. Toti vuole privatizzare la sanità?Usb non ci sta. Vuol dire che scenderemo in piazza , raccoglieremo firme , mobilitiremo cittadini e operatori sanitari in difesa della sanità pubblica e in nome di quell’ormai dimenticato articolo 32 della Costituzione : “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”.

Roberto Mattioli
delegato Rsu per
Sindacato Usb Sanità Tigullio

leggi anche
toti sanità
Libro bianco
Sanità Liguria, Toti: “Il privato aiuterà il pubblico. Riforma nei tempi promessi”