Quantcast
Liguria

Spese pazze, Biasotti: “Sono sempre stato corretto e ho fiducia nella magistratura”

Sandro Biasotti

Liguria. “Tengo a precisare che questa indagine risale a tre anni fa e già allora fornii tutti i chiarimenti alla Corte dei Conti. Trattasi di poche migliaia di euro spese nei primi mesi del 2008 dal mio gruppo regionale per esclusive attività politiche”.

Lo dichiara l’onorevole Sandro Biasotti, dopo che oggi il sostituto procuratore Massimo Terrile ha chiuso le indagini relative alle spese pazze della Regione Liguria per i rendiconti relativi al 2008 e al 2009.

“A maggio del 2008, eletto deputato mi dimisi da consigliere regionale. Ho piena fiducia nella magistratura alla quale sono certo di dimostrare la mia correttezza. Chi mi conosce sa della mia onestà dimostrata in 16 anni di attività politica e sopratutto nei 5 anni in cui ho governato la Regione e per la quale nell’interesse dei liguri ho gestito svariati milioni di euro senza mai essere sfiorato da dubbi e/o sospetti”, termina Biasotti.

leggi anche
consiglio regionale, regione
Regione
Spese pazze, inchiesta bis: chiuse indagini per Bruzzone, Biasotti e Tirreno Bianchi
gasco roberta
11 maggio
Spese pazze in Regione, tre ex consiglieri a processo
nino miceli
La difesa
Spese pazze, l’ex capogruppo Pd Miceli dopo il rinvio a giudizio: “Nessuna spesa pazza e scontrini non sono miei”
Spese pazze Regione
Regione
Spese pazze in Liguria: tutti gli imputati
Alice Salvatore
Regione
Spese pazze, Salvatore (M5S): “Totale spregio per la cosa pubblica”
Rixi Salvini
Spese pazze
“Magistratura una schifezza”. Salvini difende Rixi e la Procura avvia indagine
consiglio regionale
2008
Spese pazze, Corte dei Conti chiede risarcimento all’ex Idv Muratore
palazzo regione
362 mila euro
Spese pazze in Regione Liguria: Corte dei Conti mette in mora 36 ex consiglieri