Quantcast
Sciopero

Selex Ex, la Fim Cisl chiede chiarezza sul futuro

Sciopero Selex Es

Sestri Ponente. Questa mattina si è svolto un presidio dei lavoratori Selex Es davanti alla sede di via Puccini per chiedere chiarezza all’azienda in merito all’esternalizzazione di trenta dipendenti del ramo “Monetica” dell’azienda che a Genova impiega circa 1900 persone.

“Negli ultimi anni abbiamo assistito a una lenta e progressiva perdita di potere in termini occupazionali dei presidi liguri di Finmeccanica – spiega Marco Longinotti della Fim Cisl – Tutte le volte che per motivi economici l’azienda deve essere risanata, Genova paga sempre uno dei prezzi più alti rispetto ad altri territori. Ora tocca al piccolo Gruppo che si occupa di Monetica: il progetto che prevede questa cessione parte da lontano, era stato comunicato durante la fusione delle varie Selex garantendo però il mantenimento all’interno del perimetro dei lavoratori coinvolti nel progetto. Questo ora noi chiediamo a Moretti e a Finmeccanica. Chiediamo chiarezza sulla futura organizzazione della “one company”, chiarezza sugli investimenti, sul mantenimento efficace delle due anime civili e militari: devono darci la possibilità di mantenere e sviluppare prodotti e progetti su Genova. Deve cessare la cannibalizzazione che sta avvenendo a favore di altri territori: per questi motivi dobbiamo portare a conoscenza di tutti il nostro disagio e le nostre preoccupazioni”.

Più informazioni
leggi anche
Sciopero Selex Es
Protesta
Selex Es, sciopero di 2 ore a Sestri Ponente. Fiom: “La monetica è solo l’inizio?”