Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Samp agguantata a tre secondi dalla fine, col Torino termina 2-2 risultati fotogallery

Genova. Ha interrotto la serie negativa muovendo la classifica, ma essere raggiunti a tre secondi dallo scadere dei quattro minuti di recupero lascia davvero l’amaro in bocca. Finisce 2-2 tra Sampdoria e Torino. Dopo un primo tempo soporifero, le squadre decidono di provare a giocare una partita rischiosa per entrambe, ma che potrebbe dare morale oltre che punti preziosissimi. Prima l’illusione con le due reti di Muriel e Soriano, che ha risposto alla grande al momentaneo pareggio di Belotti, poi è proprio lo stesso attaccante a insaccare di testa in extremis il gol che fa strappare il punto al Torino.

Con Silvestre e Fernando squalificati Montella è costretto a fare turn over anche non voluto. Il nuovo acquisto Quagliarella siede in panchina. Dentro Palombo e Ivan a comporre una diga in un inedito 3-2-4-1 con Muriel unica punta e una linea difensiva formata da Ranocchia centrale con Cassani e Moisander esterni.

Partenza all’attacco per il Torino, che guadagna due calci d’angolo nei primi 4 minuti di gioco. La difesa della Samp si fa trovare impreparata al 5′: un lancio dalle retrovie mette Martinez a tu per tu con Viviano, che esce a valanga: i due si scontrano malamente, gioco fermo per almeno un minuto.

La partita stenta a decollare: ritmi molto blandi e squadre già lunghe dopo 10 minuti di gioco.

Primo tiro in porta per la Samp al 22′: un calcio di punizione di Correa dalla lunga distanza rimbalza in area ma Padelli non si fa sorprendere e blocca. Sul rinvio occasione per il Torino: Ivan sbaglia l’anticipo su Acquah, che lo supera e arriva in area davanti a Viviano, il portiere respinge in uscita coi piedi. Saranno le uniche due emozioni del primo tempo.

Al 25′ Sala si fa male (problemi muscolari, era al rientro in questa stagione dopo tanti malanni fisici) ed è costretto a uscire: dentro il nuovo acquisto Diakité.

Primo cartellino giallo al 31′: intervento falloso di Gazzi su Correa. Entrambe le squadre attendono compatte durante la manovra dell’avversaria, difficile riuscire a trovare spazi e quando Muriel ha la bella idea di liberarsi di tacco di Glik, la manovra non riesce perché l’attaccante scivola (40′).

Al 41′ contatto dubbio Ranocchia-Glik in area di rigore.

Nel primo dei due minuti di recupero ammonito Correa per un fallo tattico a centrocampo su Belotti che stava ripartendo in modo pericoloso. Giallo anche per Diakité, che dopo aver perso palla si fa male anche lui e interviene goffamente su Acquah.

Nella ripresa gli subentra Lazaros Christodoulopoulos, Cassani va a fare l’esterno difensivo. Cambio anche per il Toro prima dell’avvio: Baselli per Acquah. Dopo due minuti arriva il cartellino giallo anche per Glik (gioco falloso).

Una palla “bucata” da Moisander in area di rigore su cross di Zappacosta fa rischiare grosso alla sua squadra: per fortuna Martinez è sorpreso dall’inaspettato regalo e non riesce a intervenire (52′).

Altro rischio per la Samp: al 62′ Benassi se ne va sulla sinistra e crossa per il colpo di testa di Baselli, che però è centrale e Viviano non ha problemi.

Ventura tenta la carta Immobile al 63′ (fuori Martinez), ma è la Samp ad andare in vantaggio: cross pennellato di Dodo e Muriel di tuffo insacca. Nel Toro fuori Benassi per Maxi Lopez. Due minuti dopo arriva il gol del pareggio granata: discesa del neoentrato Immobile, assist per Belotti che insacca da due passi sfruttando il buco difensivo di Cassani e il mancato intervento di Ranocchia (72′). Proprio Ranocchia mette a rischio nuovamente i suoi con un errore che consente a Immobile di involarsi a rete, è Viviano con un vero e proprio miracolo a togliergli la palla dai piedi (75′).

Le speranze della Samp vengono affidate a Fabio Quagliarella, che entra al posto di Correa al 79′.

La partita sembra destinata al pareggio quando Soriano tira fuori dal cilindro un colpo di biliardo che si insacca nell’angolino alla sinistra di Padelli, il Ferraris esplode: 2-1 a 6 minuti dalla fine. Ancora lui riceve spalle alla porta all’88’ e si gira per il tiro in porta, stavolta non è preciso. Non è finita però: a tre secondi dalla fine dei quattro minuti di recupero un regalo di Viviano dà l’ultimo possesso al Torino, discesa di Immobile, cross impeccabile e colpo di testa dell’attaccante che gela il Ferraris.

Sampdoria-Torino 2-2

Reti: 66′ Muriel; 72′ Belotti; 84′ Soriano; 94′ Belotti

Sampdoria: Viviano, Cassani, Ranocchia, Moisander, Sala (25′ Diakité; 46′ Christodoulopoulos), Ivan, Palombo, Dodô, Soriano, Correa (79′ Quagliarella), Muriel.

A disposizione: Puggioni, Brignoli, Barreto, Rodriguez, Pereira, Krsticic, Alvarez, Skriniar, Cassano.

Allenatore: Montella.

Torino: Padelli, Maksimovic, Glik, Moretti, Zappacosta, Acquah (46′ Baselli), Gazzi, Benassi (70′ Maxi Lopez), Silva, Belotti, Martinez (63′ Immobile).

A disposizione: Castellazzi, Ichazo, Molinaro, Obi, Farnerud, Lòpez, Jansson, Vives, Avelar, Peres.

Allenatore: Ventura

Arbitro: Guida di Torre Annunziata

Ammoniti: Correa, Diakité, Ranocchia (S); Gazzi, Glik, Baselli (T)

Spettatori: 19.114 abbonati, rateo 152.366, paganti 1.109, incasso lordo 22.255.