Quantcast
Gaslini

Salute, sconfiggere il neuroblastoma con la medicina personalizzata

E' il più frequente tumore solido pedriatrico: "più la terapia è personalizzata, più è efficace"

gaslini

Si è tenuto oggi al CISEF Gaslini di Genova il meeting “NeurIta”, che ha visto riuniti per la prima volta a livello nazionale gli oltre 50 biologi e i ricercatori che nei laboratori italiani si occupano di neuroblastoma, uno tra i più frequenti tumori solidi dell’infanzia, per la cui diagnosi e cura l’Istituto Giannina Gaslini è un centro d’eccellenza nazionale.

Il neuroblastoma è il più frequente tumore solido pediatrico, che nella sua forma metastatica ha una sopravvivenza inferiore al 25% a tre anni dalla diagnosi. Durante l’incontro si è fatto il punto sugli studi in corso sulla malattia. Il risultato principale è stato quello di avvicinare e coniugare insieme le diverse competenze che sono indispensabili per giungere alla medicina personalizzata nel trattamento del neuroblastoma, superando l’approccio “generico” classico della medicina grazie alle nuove tecnologie che permettono di comprendere meglio come le malattie si sviluppano a livello molecolare e di definire il profilo di espressione genica di ogni singolo paziente.

“Ogni tumore è unico, sia per origine, sia per evoluzione, e più la terapia è mirata alle peculiarità di quella specifica malattia, più è efficace” – spiega il dottor Massimo Conte, pediatra oncologo al Gaslini – “In particolare, i tumori neuroblastici dell’infanzia sono molto diversi tra loro, e vanno da forme che regrediscono spontaneamente, a tumori altamente metastatici per cui non esiste ancora un trattamento efficace.”

La medicina personalizzata per il neuroblastoma si propone di utilizzare al meglio i farmaci antitumorali esistenti e/o di cercarne dei nuovi, in base ad una valutazione minuziosa del tumore e dello stato del paziente. Tutto ciò richiede il contributo in sinergia di diverse figure: i biologi molecolari, ad esempio, studieranno le vie biochimiche che si prestano ad essere bersaglio dei chemioterapici. I farmacologi contribuiranno, indicando i farmaci che hanno un meccanismo di azione rilevante. I bioinformatici organizzeranno i vari dati in un modello ottimale, e i clinici decideranno la strategia migliore per trattare individualmente i pazienti.

“Questo processo, oltre che essere costoso, richiede che competenze diverse si adoperino a studiare un singolo paziente, nel più breve tempo possibile – spiega il dottor Luigi Varesio, Direttore del Laboratorio di Biologia Molecolare dell’Ospedale Gaslini e Coordinatore del Gruppo Biologico italiano. – Ciò comporta problemi logistici da affrontare e tempi di intervento molto brevi, e presuppone un elemento fondamentale, l’esistenza di biobanche in grado di gestire, analizzare e diffondere il materiale bioptico, i dati molecolari e le informazioni cliniche.”

Di tutto questo hanno parlato i biologi e i clinici riuniti oggi nella prestigiosa sede del CISEF Gaslini presso la storica Badia della Castagna di Genova: “l’incontro ha identificato, tra i vari centri italiani partecipanti, le competenze e le piattaforme tecnologiche che, interfacciandosi, sulla solida base della Biobanca integrata di tessuto BIT-Gaslini, porteranno -si spera – in un futuro non troppo lontano, a proposte terapeutiche personalizzate. Si sono creati oggi i presupposti per una rete, che consenta di integrare le conoscenze e le competenze per dare una visione globale per ciascun paziente, su cui disegnare il protocollo terapeutico mirato” conclude il dottor Luigi Varesio organizzatore del convegno e coordinatore del Gruppo Biologico.

leggi anche
Quattro gemelli al Gaslini
Ricerca
Al Gaslini 50 ricercatori italiani specializzati nello studio del neuroblastoma
gaslini
Sanità
“Dare Voce Alle Malattie Rare”: incontro Scientifico Buzzi-Gaslini
ospedale, neonato, pediatria, medici
Salute
Insieme per migliori cure. Maternità: nasce il dipartimento Gaslini-Galliera
Medici del Gaslini in Libano
Verso il lieto fine
Dal Libano a Genova per guarire: migliora il bimbo di 7 mesi ricoverato al Gaslini
gaslini
Gaslini
Morì durante un intervento per la rimozione di una ciste ovarica: a processo 2 medici del Gaslini
Piastrelle e intonaco crollati nel bagno del Gaslini
La denuncia
Paura al Gaslini di Genova: crollano intonaco e piastrelle nel bagno