Quantcast
Lorsica

Provinciale della Scoglina, tre fasi per la messa in sicurezza

Serviranno risorse “molto consistenti"

frana scoglina

A 120 metri d’altezza sulla parete incombe in bilico anche un macigno enorme, circa 17 tonnellate di roccia. “E’ uno dei segni più evidenti e preoccupanti – dice Nino OIiveri – di quanto sia urgente e fondamentale risolvere l’emergenza della provinciale della Scoglina a Lorsica, bonificando e mettendo in sicurezza il pericoloso versante in frana per riaprire la strada”.

Il consigliere delegato alla viabilità della Città metropolitana ha appena fatto il punto con il sindaco di Lorsica Aulo De Ferrari, gli ingegneri Pietro Bellina e Stefano Belfiore della Città metropolitana e il geologo Andrea Ghilino incaricato dal Comune di Lorsica “per condividere – dice Oliveri – le modalità e il percorso più veloce per l’intervento”.

Le operazioni dovranno svolgersi in tre fasi: lo sgombero di tutti i materiali possibili dalla parete, la demolizione di tutti i massi pericolanti e infine la sistemazione delle reti paramassi, ancorate a pali, sul versante.

Serviranno risorse “molto consistenti – dice ancora Oliveri – e per fare il punto sui finanziamenti necessari la prossima settimana avremo anche un incontro in Regione con l’assessore Giampedrone.”

Più informazioni
leggi anche
frana scoglina
Lorsica
Provinciale 23 della Scoglina, troppo materiale instabile servono altre verifiche
frana scoglina
Vero la riapertura
Provinciale della Scoglina, già iniziati i lavori per la messa in sicurezza
masso frana provinciale 586
Non è la prima volta
Lorsica, macigno rischia di franare: chiusa la provinciale della Scoglina
muzio giampedrone frana scoglina
Frana
Provinciale della Scoglina, riapertura entro due settimane
frana scoglina
Finalmente
Lorsica, riapre la strada della Scoglina: chiuderà per le allerte meteo
frana scoglina
Frana
Provinciale della Scoglina, reti paramassi per la messa in sicurezza