Scontro

Profughi gratis nei musei, Regione contro Comune: “Offesa ai genovesi”

"La giunta Doria arriverà anche a coprire le pudenda di statue, tele o affreschi per non offendere la sensibilità dei nuovi visitatori?"

palazzo rosso

E’ scontro duro tra il Comune di Genova e la Regione Liguria, dopo la decisione del primo di aprire gratuitamente ai profughi i musei cittadini “per avvicinare queste persone alla nostra cultura”.

A poche ore dalle dichiarazioni dell’assessore al Welfare Emanuela Fracassi, la titolare delle Politiche sociali e dell’Immigrazione nonché vicepresidente della Regione Sonia Viale risponde senza mezzi termini. “Aprire gratuitamente le visite ai musei cittadini di Genova a sedicenti profughi rischia di generare tensioni sociali, perché sembra una provocazione nei confronti di tanti cittadini in difficoltà più che un modo per favorire l’integrazione”.

“Auspico che il Comune di Genova torni sui propri passi e ritiri una proposta che risulterebbe a dir poco offensiva verso i tanti genovesi che oggi, per ragioni economiche, si vedono costretti a dover rinunciare a svaghi culturali e non solo”.

“Non vorremmo che di questo passo la giunta Doria arrivasse anche a coprire le pudenda di statue, tele o affreschi nei musei genovesi per non offendere la sensibilità dei nuovi visitatori” conclude Viale.

leggi anche
Comitati via edera
Accoglienza
Profughi, comitati a Tursi: “in via Edera problemi di viabilità, non siamo razzisti”
davagna, immigrati, taglio erba
Immigrazione
Profughi, Fracassi: “Visite guidate ai musei per avvicinare a nostra cultura”
Municipio Sestri Levante
Due protocolli
Profughi e detenuti: Sestri Levante apre la strada dei lavori socialmente utili
Genova,  i profughi arrivano nella struttura di Quarto
Accoglienza
Profughi, a Genova oltre un migliaio di presenze, quasi 200 nei progetti di “seconda accoglienza”
Osiglia arrivo profughi
Politica
Musei gratis per i profughi, Giaretti (Forza Italia): “Errore e provocazione”