Quantcast
Immigrazione

Profughi, Fracassi: “Visite guidate ai musei per avvicinare a nostra cultura”

Per l'assessore al welfare del Comune di Genova anche queste, come i progetti di volontariato per lavori pubblica utilità, sono importanti per l'integrazione

Genova. “I volontari che propongono di accompagnare i richiedenti asilo in visita ai musei lo fanno per dare una maggiore consapevolezza del territorio a queste persone”. L’assessore al welfare del Comune di Genova, Emanuela Fracassi, difende questo tipo di iniziative che è stato al centro di critiche nel corso della commissione consigliare dedicata alla gestione delle persone straniere presenti sul territorio.

“Questo è uno dei modi che si possono utilizzare per avvicinare queste persone alla nostra cultura – sottolinea Fracassi – così come sono fiera di quanto è stato fatto in Prefettura. Un protocollo di intesa, firmato da Prefetto, Sindaco e rappresentanti del forum del terzo settore per il volontariato dei migranti sul nostro territorio. Con un centinaio di migranti che hanno già pulito giardini, strade, cimiteri e spiagge e con ancora una cinquantina di volontari in attesa”.

“Certo, abbiamo le visite guidate ai musei per ingannare il tempo – conclude Fracassi – ma anche i progetti di volontariato per migliorare il territorio e, speriamo presto, anche i’inserimento nel mondo del lavoro che sarà sicuramente l’aspetto più importante per l’integrazione”.

leggi anche
palazzo rosso
Scontro
Profughi gratis nei musei, Regione contro Comune: “Offesa ai genovesi”
Osiglia arrivo profughi
Politica
Musei gratis per i profughi, Giaretti (Forza Italia): “Errore e provocazione”