Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Profughi e detenuti: Sestri Levante apre la strada dei lavori socialmente utili

La Giunta Comunale di Sestri Levante ha approvato due importanti protocolli d’intesa che permetteranno di inserire in attività socialmente utili sia coloro che, avendone la possibilità, sceglieranno di commutare una pena inflitta dal Tribunale Ordinario in ore al servizio della Comunità, sia i richiedenti asilo ospiti nella struttura cittadina.

I primi svolgeranno inizialmente lavori di pulizia e piccola manutenzione presso il Convento dell’Annunziata, l’area del teatro Conchiglia e la zona della baia del Silenzio. La convenzione con il Tribunale prevede infatti che ne sia responsabile il Servizio Partecipate, affidandoli nello specifico a Mediaterraneo Servizi.

Il Protocollo d’Intesa prevede invece per i richiedenti asilo, un accordo con Prefettura di Genova l’ente che gestisce l’accoglienza, in questo caso Cooperativa Agorà. Unanime l’assenso degli interessati a svolgere attività di volontariato a favore della città, tanto che da metà febbraio affiancheranno il servizio Manutenzione per il recupero degli arredi urbani, in particolare le panchine e pulizia delle cunette, mettendosi a disposizione dell’Amministrazione due giorni a settimana.

I costi a carico del Comune sono rappresentati dagli adempimenti aziendali quali la stipula di una assicurazione che copra in caso di Responsabilità Civile, l’apertura della posizione Inail e la dotazione dei dispositivi di sicurezza previsti dalla legge, senza corresponsione di retribuzione.

“Riteniamo molto utile e positivo poter dare vita a queste forme di scambio per cui chi viene accolto da una Comunità, o chi ne ha trasgredito le regole, ha anche la possibilità di mettersi a disposizione e restituire con le proprie energie un bene che va a vantaggio della collettività intera – dichiara Lucia Pinasco, Assessore alle
Politiche Sociali – Durante il mese di febbraio partiranno tutti i progetti di inserimento in lavori socialmente utili, i quali saranno monitorati attentamente dalle strutture comunali”.