Quantcast
Pallanuoto

Pro Recco, dopo 35 vittorie di fila arriva una sconfitta: 12-11 dallo Szolnoki

I biancocelesti vengono raggiunti in vetta al girone di Champions League dallo Jug Dubrovnik

Pro Recco

Recco. Si interrompe la striscia di vittorie della Pro Recco, dopo 35 gare di dominio assoluto. È lo Szolnoki a fermare l’impressionante ruolino di marcia dei campioni d’Italia e d’Europa.

Finisce 12-11 in favore degli ungheresi padroni di casa la prima gara del girone di ritorno di Champions League.

Parte Giacomo Pastorino tra i pali; mister Pomilio decide di lasciare ancora a riposo Stefano Tempesti. L’inizio di match è combattuto, le due formazioni si rispondono gol a gol sia con la parità sia con l’uomo in più. Gitto, dietro in marcatura, è praticamente perfetto e sono le reti con il vantaggio numerico a portare sotto il bordo i magiari con il risultato favorevole di 4 a 3.

La sfida, come spesso si è ripetuto e ribadito alla vigilia, è di quelle difficili sotto tutti i punti di vista: pubblico, vasca e calibro degli avversari. Si parte con il secondo tempo e Vamos si mette in mostra per la seconda volta: il mancino impugna dai cinque metri e scarica in porta con una violenza inaudita superando Pastorino. Adesso lo Szolnoki fa il break, ovvero il primo significativo vantaggio per i padroni di casa.

Ci pensa Di Fulvio a zittire la rumorosissima vasca magiara, soffocata dal tifo assordante dei sostenitori ungheresi: il numero 2 biancoceleste dal perimetro non perdona è accorcia sul 5-4. Vamos questa sera è incontenibile e con l’uomo in più, dopo una serie di finte va a cogliere un palo-gol preciso e riporta sul +2 i magiari. I locali potrebbero infliggere anche il terzo gol di vantaggio, grazie alla seconda doppia espulsione fischiata dal tandem arbitrale, ma Pastorino, buon protagonista della serata, si oppone.

La Pro Recco non molla e se è ancora Di Fulvio, dal perimetro, ad accorciare superando Nagy, serve un eccezionale Pastorino a sventare la rete di Kis che a mezzo metro dalla porta devia fuori il passaggio del compagno.

A poco più di un minuto dalla fine del secondo parziale, però, succede di tutto. Putnikovic e Sadekov fermano il gioco e dopo essersi consultati sanzionano un’entrata anticipata a Prlainovic e commissionano un penalty in favore dello Szolnoki. Gocic va sulla linea immaginaria dei cinque metri e supera Pastorino, che intuisce, sopra la testa. Il tabellone accompagna le due formazioni all’intervallo lungo sullo score di 7-5 per i padroni di casa.

Nel terzo set la Pro Recco rientra in partita, migliora sensibilmente la percentuale in superiorità numerica e arriva anche ad acciuffare il pareggio sull’8-8. Lo Szolnoki, con un Mitrovic particolarmente ispirato, riesce a mettere la prua avanti di una lunghezza e il risultato dice 9-8 ad un solo tempo dal termine.

Si va verso la fine e ha inizio l’ultimo tempo con le squadre visibilmente stanche. Passano solo pochi secondi e Denes Varga si inventa un gol di pregevole fattura: l’ungherese da distanza siderale coglie di sorpresa tutta la retroguardia biancoceleste.

Una ripetizione e un susseguirsi di emozioni: la formazione ligure soffre ma raggiunge ancora il pareggio, in ordine vanno in gol Sukno e Prlainovic. Quindi Varga trasforma un rigore e Mitrovic colpisce ancora, relegando l’ultimo gol di Mandic, da antologia della pallanuoto, solamente a speranza di pareggio.

Tutto si infrange sulle braccia di Nagy, così come l’ultimo uomo in più in favore della Pro Recco, arrivato sulla quarta di sirena.

Il tabellino:
Szolnoki Vizilabda – Pro Recco Waterpolo 12-11
(Parziali: 4-3, 3-2, 2-3, 3-3)
Szolnoki Vizilabda: Nagy, Gocic 1, Madaras 1, Vamos 2, Jansik, Mezei, Aleksic 3, Younger, Fulop, D. Varga 3, Kis, Mitrovic 2, Decker. All. Sandor Cseh.
Pro Recco Waterpolo: Tempesti, Di Fulvio 2, Mandic 1, Figlioli 1, Bodegas, Pijetlovic 2, Prlainovic 1, Aicardi, Sukno 2, Filipovic 1, Giacoppo, Gitto 1, Pastorino. All. Amedeo Pomilio.
Arbitri: Putnikovic (Srb) e Sadekov (Rus).
Note. Superiorità numeriche: Szolnoki 5 su 13 più 2 rigori trasformati, Pro Recco 8 su 16. Usciti per limite di falli: Gitto, Giacoppo e Vamos nel quarto tempo.

Le altre partite del gruppo B: Partizan – Jug Dubrovnik 6-10; Galatasaray – Osc Budapest 9-12. La classifica: Pro Recco, Jug Dubrovnik 15, Szolnoki 12, Partizan, Osc Budapest 6, Galatasaray 0.