Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Piaggio Aero, oltre 200 lavoratori in cassa integrazione. Rixi: “Intervento urgente del Governo”

E’ preoccupato l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Edoardo Rixi per la situazione di Piaggio Aero

Genova. “Dalle informazioni in mio possesso i vertici aziendali hanno deciso di mettere in cassa integrazione oltre 200 lavoratori tra Villanova e Genova. Ad essere colpito, anche se le informazioni non sono arrivate finora in maniera ufficiale, sembra essere la business motor unit, settore strategico che di occupa delle manutenzioni dei velivoli e ha ordini anche per la Rolls Roice e altri clienti stranieri. Non si capisce perché se il problema è la crisi di liquidità che avevano denunciato mesi fa sia colpito un settore che ha ordini”.

E’ preoccupato l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Edoardo Rixi per la situazione di Piaggio Aero dopo che l’azienda ha convocato per domani pomeriggio un incontro in Unione industriali con all’ordine del giorno la richiesta di allargare l’utilizzo della cassa integrazione per i lavoratori.

“Siamo assolutamente preoccupati – dice Rixi – la situazione è grave perché a marzo l’azienda non avrà i soldi per pagare gli stipendi ed è chiaro che questa situazione crea una pressione molto forte su Finmeccanica, che ha più volte ribadito di essere interessata al drone e non ad altre parti dell’azienda. A questo punto chiediamo un intervento immediato del Governo a partire dal ministro della Difesa Pinotti e del presidente del consiglio Matteo Renzi che in prima persona si era speso ed è venuto a inaugurare lo stabilimento di Villanova d’Albenga”.

“Più volte in passato avevo segnalato che era una scelta azzardata affrontare una riorganizzazione dell’azienda prima della realizzazione del drone perché com’è accaduto il trasferimento ha allungato i tempi e portato a uno sforamento del budget tanto è vero che oggi si parla di più di 150 milioni di euro di mancanza di liquidità. Come Regione stiamo accelerando il contributo a Piaggio di 3 milioni per la ricerca , ma è chiaro più di questo non possiamo fare. Non vorrei che il Governo lasciasse andare questa situazione probabilmente per puntare a un’ennesima ristrutturazione sull’azienda, con un danno incalcolabile per la Liguria che dobbiamo evitare”.