Quantcast
Prima categoria girone c

GoliardicaPolis sempre più regina del campionatorisultati

Neanche un ottimo PonteX riesce a fermare la capolista. Bene la Calvarese che aggancia il terzo posto. Grande lotta in coda per la salvezza diretta

Varie Sport 2015-2016

Ventesima giornata del campionato di Prima Categoria girone C che vede sempre più sola e padrona del proprio destino la GoliardicaPolis che interrompe il bel ruolino di marcia del PonteX, squadra rivelazione finora del girone di ritorno e allunga sulla Campese, di riposo oggi.

Partita piacevole e intensa quella fra  due delle compagini più in palla del momento. Vantaggio del Goliardica che arriva dopo un quarto d’ora grazie a una punizione di Repetto che dal limite trova l’angolo giusto e supera Di Moro. La replica granata è affidata a Da Ronch che calcia bene, ma il portiere Briola è insuperabile.

Il PonteX gioca bene e anche nella ripresa la partita è in bilico, al 69° Converti sfiora il gol con una bella conclusione dalla distanza. Ci vuole un altro colpo di classe, di Incerti stavolta per consegnare definitivamente la partita alla GoliardicaPolis che rimane imbattuta. Per il PonteX una sconfitta che non intacca quanto di buono fatto finora, ma sarà importante riprendere subito la marcia per rimanere in zona playoff.

Il Via dell’Acciaio continua a intaccare il tesoretto di punti ottenuto grazie a un ottimo girone di andata. Contro il San Gottardo la partita va ai padroni di casa che si esprimono finalmente su un buon livello di gioco. Partono a razzo i biancorossi che all’8° colpiscono una traversa con Obino e poi trovano la respinta prodigiosa del numero uno azulgrana Cavallino sulla ribattuta di Costa.

Al 25° arriva il meritato vantaggio dei locali con Pili che di testa svetta più alto di tutti e insacca il corner battuto da Spinetti. Il Via dell’Acciaio fatica dannatamente a organizzarsi e il San Gottardo domina. Nella ripresa arriva il raddoppio dopo appena dieci minuti. Obino riceve il traversone di Spineti, controlla e calcia per il 2-0. Passa un minuto, però e il numero 2 segna ancora, ma nella sua porta riaprendo la partita.

Il gol risveglia gli ospiti che con Lezziero sfiorano il pareggio. Il difensore gira di testa una punizione di Carretta, palla che sfiora il palo. Al 77° il San Gottardo vicino al terzo gol con Lo Muoio che si invola in contropiede, ma da ottima posizione spreca. Il risultato non cambia e il San Gottardo agguanta il 10° posto, uscendo finalmente dalla zona playouto. Via dell’Acciaio in crisi nera ancora terzo, ma ora in coabitazione con la Calvarese.

I biancorossi infatti si impongono 2-1 sulla Sampierdarenese, squadra in difficoltà. Partita equilibrata e non molto spettacolare. Nel primo tempo succede poco o nulla con il reparto mediano che ha la meglio su tutto. Al 24° alla prima vera occasione passa la Calvarese con Segale.

Si va alla ripresa che si rivela migliore dal punto di vista del divertimento, ma alla fine si registrano poche emozioni. La prima arriva al 59° con Trabuco che riceve palla da Segale e calcia al volo poco dentro l’area battendo il portiere avversario. La Sampierdarenese si sveglia tardi e all’87° Spinetti accorcia le distanze, ma il punteggio rimane  invariato e la Calvarese si prende il terzo posto in classifica.

Il Bogliasco vince con un buon Mura Angeli, ormai condannato, ma indomito, e ora passa incredibilmente a un punto dalla zona playoff. Dopo essere stati per buona parte del campionato in lotta per restare fuori dai bassifondi ora i biancorossi si godono un ruolino di cinque vittorie nelle ultime sei partite che consente loro di rimanere in alta quota.

Come detto, però il Mura Angeli ha intenzione di lasciare la categoria, se così sarà, solo dopo aver fatto sudare tutte le squadre che passeranno al “Morgavi”. Dopo 7’ infatti Reffo sigla il momentaneo 1-0, che mette in difficoltà il Bogliasco che tenta una reazione con Castricini, ma la sua conclusione al 18° viene parata da Botticelli.

Il pareggio arriva al 25° con un gran colpo di tacco di Bettalli che smarca Cimieri, il quale salta il portiere e mette in rete. Si va al secondo tempo sull’1-1 e la partita si stabilizza fino al 77° quando il Mura ha l’occasione di riportarsi avanti con Lamanna che dagli undici metri si fa parare il tiro da Burlando. All’82° il Bogliasco punisce i padroni di casa con una bella punizione di D’Elia che condanna il Mura alla sconfitta numero 13 del campionato.

La lotta salvezza d’altronde è più viva che mai con un prosieguo di stagione che si prospetta scoppiettante. Lo Struppa vince in trasferta contro il San Bernardino Solferino una partita iniziata lenta, ma che man mano che prosegue vede gli ospiti più convinti e vogliosi di vincere per mantenere vive le speranze di salvezza diretta. Al 12° ci prova Belfiore con un bel tiro al volo sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la difesa dello Struppa si rifugia in corner.

La replica è affidata ad Apicella che di testa chiama il portiere Raganini alla parata. Al 39° lo Struppa passa con Giovani che risolve una mischia in area di rigore e le squadre vanno al riposo sullo 0-1. Nella ripresa il San Bernardino prova a reagire e al 52° si guadagna un rigore che Costigliolo realizza.

Lo Struppa attacca e al 68° il San Bernardino resta in dieci per l’espulsione di Curcio. La partita prosegue e non sembra potersi sbloccare, ma proprio allo scadere Ferrera arriva al limite dell’area da dove fa partire un siluro imprendibile per Raganini e regala 3 punti agli ospiti.

Struppa penultimo, ma è a 5 punti dalla salvezza diretta, per il San Bernardino settima posizione, ancora la possibilità di entrare ai playoff, ma servirà più determinazione in fase offensiva.

Partita tesa e difficile quella fra Prato 2013 e Vecchiaudace Campomorone con le due squadre in piena lotta salvezza. Alla fine ha la meglio il Prato che si dimostra più cinico. All’11° i rossoneri vanno vicinissimi al gol con Traverso che colpisce il legno orizzontale con un gran tiro dalla distanza. L’appuntamento con il gol è solo rimandato al 28° con un cross dalla destra sul quale Della Giovanna anticipa tutti e insacca di piatto per l’1-0.

Il Vecchiaudace sbanda e Angotti sfiora il raddoppio con una gran conclusione che fa la barba al palo. Si va alla ripresa che vede gli ospiti scendere in campo con un piglio diverso e al 67° Draghici realizza il rigore guadagnato da D’Errico poco prima. Il Prato rimane anche in dieci per l’espulsione di Ierardi per fallo da ultimo uomo.

Gli ospiti prendono coraggio e stringono d’assedio la metà campo del Prato che si difende bene ed ha anche fortuna quando al 77° Bovone si libera e calcia, cogliendo il palo. Così al 95° in contropiede il Prato si guadagna un rigore. Dal dischetto va Cavallaro che si dimostra di ghiaccio e sigla il gol partita.

La Vecchiaudace sprofonda zona playout, mentre i rossoneri si avvicinano alla salvezza, distante ora solo due punti.

Anche il Leivi non perde il passo salvezza e batte 3-1 il San Siro grazie soprattutto a un primo tempo travolgente. Pronti via e Fiore, portiere del San Siro deve salvare su un gran tiro di Miele. Due minuti dopo Turcanu colpisce la traversa, ma l’azione viene fermata dall’arbitro per fuorigioco.

La replica del San Siro è affidata a Branca che calcia una punizione ampiamente fuori bersaglio. Al 13° è Soracase che cerca la via del gol, ma il suo tiro è solo potente, palla alta.

Al 18° il Leivi passa. Asimi crossa da sinistra, sul secondo palo c’è Ghirlanda che di testa batte il portiere. I padroni di casa controllano il gioco e al 26° raddoppiano ancora grazie a un colpo di testa, stavolta di Nigro che gira perfettamente in rete un cross di Miele. Dieci minuti dopo la partita si chiude virtualmente con Ghirlanda bravo a servire in verticale Campodonico che solo davanti al portiere lo fulmina e fa 3-0.

Nella ripresa il San Siro prova subito a riaprire i giochi grazie a Lalli che calcia in porta di prepotenza un cross di Branca e fa 3-1. In realtà è un fuoco di paglia, il San Siro si spegne e il Leivi controlla agevolmente fino al termine della gara. Per gli ospiti 9^ posizione, che consente ai bianchi di restare a metà classifica, ma non di stare tranquilli. Il Leivi aggancia l’11^ piazza ed è a un passo dalla salvezza.