17 giorni

Genova: protestò per una multa, 81enne finisce in carcere

Condannato per oltraggio a pubblico ufficiale, non ha rispettato né l'obbligo di dimora né la libertà vigilata

Genova. Un pensionato di 82 anni è stato arrestato e rinchiuso ieri a Marassi: vi rimarrà per 17 giorni a causa di una condanna per oltraggio a pubblico ufficiale.

Era il 2012 quando l’uomo, Emanuele Rubino, venditore ambulante, parcheggiò il suo furgone in piazza Raibetta. Aveva tutti i permessi per entrare in quella zona, la fermata del mezzo avvenne dove non si poteva. Notato dalla Polizia Municipale, venne multato.

Un provvedimento che fece andare su tutte le furie l’uomo, che iniziò ad inveire contro gli agenti. Rubino alla fine venne denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e il giudice stabilì una pena di 34 giorni tra obbligo di dimora e libertà vigilata.

Due misure che l’uomo non ha rispettato: quando i Carabinieri passano da casa sua per i previsti controlli, non lo trovano. Scatta una nuova denuncia e il giudice stabilisce la pena di 17 giorni di carcere. L’anziano è stato prelevato ieri dai militari.

In queste ore sul web circola il video della vicenda e da più parti si chiede la sua liberazione.

leggi anche
Ambulante minaccia di buttarsi dal Ponte Monumentale
Via xx settembre
Minaccia di buttarsi dal Ponte Monumentale: ambulante scende dopo 5 ore
pino mamone ponte monumentale
Genova
Ambulante prova di nuovo a lanciarsi dal Ponte Monumentale: subito fermato
Ambulante minaccia di buttarsi dal Ponte Monumentale
Dopo il ponte monumentale
Furgone ancora sequestrato, ambulante occupa il palazzo di giustizia a Genova
emanuele rubino ambulante arrestato
Offese
Genova, 81enne in carcere per una multa. Vigili urbani contro gli internauti

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.