Quantcast
Genova

Fratelli iraniani presunti terroristi, chiesto giudizio immediato

tribunale genova

Genova. Giudizio immediato per Karim e Shahad El Kunani, i due fratelli presunti iraniani arrestati il 31 dicembre mentre cercavano di imbarcarsi da Genova con falsi documenti belgi su un volo per Londra.

Il sostituto procuratore Pier Carlo Di Gennaro lo ha chiesto oggi. Secondo il pm i due non hanno chiarito chi sono effettivamente e il tragitto fatto dall’Iran per arrivare in Liguria, ma anzi avrebbero mentito più volte agli inquirenti.

Tornano invece liberi Abdel Kader Alkourbi, Muhamad Sibratah Mosa e Mohamed Abdel Amar, i tre libici arrestati nel porto di Genova il 3 gennaio scorso a bordo di tre auto identiche di dubbia provenienza. Il gip Cinzia Perroni ha disposto l’immediata scarcerazione dei tre, accogliendo la richiesta dei legali, gli avvocati Marco
Cavicchioli e Olivia Taccini. Secondo il gip, le indagini tecniche “non hanno portato elementi a riscontro del quadro indiziario iniziale, sia per l’ipotesi del riciclaggio che su quelle del terrorismo”.

I tre restano comunque indagati a piede libero per riciclaggio, anche se la scarcerazione concessa oggi porterà il pm Pier Carlo Di Gennaro a chiedere l’archiviazione.

leggi anche
carcere marassi
Genova
Sospetto terrorismo, i due fratelli hanno incontrato qualcuno a Genova
carcere marassi
Interrogatorio di garanzia
Sospetto terrorismo, i due fratelli davanti al giudice: “Scappati dall’Iran per diventare cristiani”
msc crociera - terminal traghetti - porto di genova
Domenica
Sospetto terrorismo, nuovi arresti a Genova: in manette tre libici
palazzo di giustizia tribunale genova
L'ambasciata conferma
Genova, scarcerati i fratelli iraniani sospettati di terrorismo