Quantcast
Calcio femminile

Coppa Liguria: il Ligorna approda in finale

Le gialloblù segnano 3 reti nel primo tempo al Vecchio Levanto

calcio femminile

Genova. Il Ligorna si assicura la finale di Coppa Liguria andando a sbancare il “Raso Scaramuccia” con un meritato e rotondo 3 a 0 inflitto al Vecchio Levanto del duo Minoliti-Librandi.

Ottimo primo tempo delle genovesi che già determina il punteggio finale; ripresa più sofferta, non solo per la reazione della formazione di casa ma anche per l’espulsione rimediata che ha limitato il potenziale offensivo e costretto il filtro di centrocampo e la linea difensiva ad un pluslavoro comunque ben svolto e supportato in maniera determinante da due interventi “monstre” di Cenname che ha dimostrato di essere sicuramente il miglior portiere della categoria.

Dopo poche battute il Ligorna piazza un uno-due micidiale. È l’11° quando Cafferata, su ottimo assist di Calcagno, con un perentorio scatto lascia sul posto il difensore e brucia l’uscita del portiere insaccando a porta vuota. Passano solo due minuti e, dalla sinistra, sfugge ancora l’immarcabile ala gialloblù rimettendo a centro area un prezioso pallone sul quale si avventa Profumo che controlla e lascia partire un bolide che non dà scampo a Gesindelli.

Al 16° una bella punizione di Profumo è sventata in angolo; dall’altra parte è altrettanto apprezzabile la girata al volo di Battolla, sempre a seguito di un calcio fermo. Si arriva al 34° e la splendida apertura in profondità di Fallico a tagliare la difesa è un vero gioiello per l’onnipresente Cafferata che si presenta a tu per tu con il portiere, lo finta facendolo scendere a terra e lo supera con una pregevole esecuzione del cucchiaio.

In finale di tempo due belle opportunità per il Levanto, entrambe con Basso; nella prima, allargandosi, trova la maniera di superare anche il portiere ma è puntuale e provvidenziale Olmetti ad allontanare la minaccia; al secondo tentativo si libera con esperienza per il tiro ma chiude a fil di palo.

Si riprende con la formazione di casa determinata a rimettere il punteggio in discussione e già al 3° Beghè prova a cercare l’incrocio dalla distanza ma Cenname è grande e sventare in angolo dalla cui esecuzione ancora Beghè non inquadra la porta di poco. Il Vecchio Levanto ci riprova al 16° ma ancora Cenname è sicura.

Al 19° il cartellino rosso a Profumo, per proteste, alimenta ulteriormente la determinazione della squadra di mister Minoliti che carica a testa bassa costringendo il Ligorna ad accorciarsi compattandosi e a operare in ripartenza. Sale l’intensità e affiora qualche nervosismo in campo ma, nonostante la pressione, il Vecchio Levanto non riesce a passare.

Al 31° si chiude il duello tra Beghè e Cenname: l’attaccante, su calcio di punizione, inquadra perfettamente la porta ma una super Agata vola a togliere la palla dall’incrocio dei pali negando la possibilità alle avversarie di raggiungere almeno il gol della bandiera.

Il Ligorna si mostra solido e va a pungere davanti con azioni in velocità. All’ultima di queste Fracas viene affossata prima di entrare in area ma l’arbitro Fabrello assegna un fallo in attacco e, subito dopo, fischia la fine dell’incontro.

Il Ligorna allenato da Morin ha schierato Cenname, Olmetti, Cafferata, Bettalli (s.t. 11° Fracas), Coli, Mazzocchi, Calcagno (s.t. 43° Zambrano), Boero (s.t. 40° Cama), Profumo, Fallico, Di Blasi (s.t. 24° Battistutta); riserve Denevi, Simosis.