Genova

Alluvione 2014, la Regione entra nel processo: citata come responsabile civile

Oltre ai parenti della vittima sono stati ammessi come parte civile anche alcuni commercianti

Genova, alluvione 9 ottobre 2014

Genova. Il gup Ferdinando Baldini ha ammesso la costituzione di parte civile per circa 26 parti offese nel processo che vede indagate l’ex assessore regionale alla protezione civile Raffaella Paita e l’ex dirigente di Protezione civile Gabriella Minervini per omicidio e disastro colposo per l’esondazione del torrente Bisagno la notte del 9 ottobre 2014, che provocò la morte dell’infermiere in pensione Antonio Campanella.

Oltre ai parenti della vittima sono stati ammessi anche alcuni commercianti danneggiati dall’alluvione. Il gip ha anche disposto la citazione come responsabile civile per la Regione Liguria.

L’udienza è stata rinviata al prossimo 2 marzo quando Paita e Minervini si sono dette disposte a farsi interrogare. All’esito dell’interrogatorio non è escluso che Raffaella Paita opti per il rito abbreviato.

leggi anche
Genova, alluvione 9 ottobre 2014
Verso il processo
Alluvione 2014, prima udienza preliminare per Paita e Minervini: in 30 chiedono di costituirsi parte civile
alluvione genova 15 novembre
La precisazione
Alluvione 2014, Paita: “Non ho ancora ricevuto nulla, comunque rimango serena”
cronaca
L'inchiesta
Alluvione 2014, chiuse le indagini: Paita e Minervini uniche indagate, 500 le parti offese
alluvione genova impronta simbolo
Genova sott'acqua
Alluvione 2014 a Genova, indagata Raffaella Paita
alluvione genova 15 novembre
Serie a e serie b
Regione scrive al Governo: “Servono aiuti anche per alluvionati del novembre 2014”
alluvione genova danni
Liguria
Alluvioni, via al nuovo bando da 6,4 milioni di euro per sistemi di auto protezione
Bisagno e Fereggiano: sopralluoghi a Genova con il ministro Galletti
Sopralluogo e simulazione
Alluvioni, Genova si mette in sicurezza: il punto su Bisagno e Feregggiano