Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Unioni civili: Liguria Possibile partecipa a #svegliatitalia

Genova. Liguria Possibile partecipa a #svegliatitalia, la manifestazione indetta il 23 gennaio in molte città italiane per appoggiare il DDL Cirinnà sulle unioni civili.

Alla manifestazione partecipano tra gli altri il parlamentare Luca Pastorino, il consigliere comunale Gianpaolo Malatesta e molti altri in rappresentanza dei comitati liguri di Possibile. A Genova l’appuntamento è alle 15 in piazza della Meridiana: il corteo proseguirà in via Garibaldi, poi per via XXV Aprile raggiungerà piazza De Ferrari.

Possibile Liguria aderisce con convinzione, per ribadire l’urgenza di riconoscere a tutti un diritto umano fondamentale.

“Dovessimo rendere con un immagine la difesa dei diritti e il perseguimento di risultati, sarebbe un sentiero tortuoso. Questo perché i diritti sono la cosa più reale che tocca le persone ma anche quella soggetta a maggiori pressioni e speculazioni di natura squisitamente politica, con poca concretezza” – afferma Gianpaolo Malatesta -“Sentiero tortuoso iniziato, per quel che mi riguarda, nel ciclo amministrativo precedente insieme a persone che anche oggi si ritrovano al mio fianco impegnate nell’affermazione dei diritti e nell’innovazione dei partiti (come il processo congressuale di Possibile). In alcuni casi si riescono ad ottenere risultati in un arco di tempo ragionevole, come nel caso del Testamento biologico, in altri si riesce almeno a seminare una promessa che germoglierà in tempi successivi, come il registro delle coppie di fatto. E poi ci sono i casi per i quali è necessario non mollare mai, come ius soli, adozione e matrimoni omosessuali. Innovazione è una delle parole più usate ma perché abbia davvero significato occorre avere molto coraggio e non solo nei diritti. Genova è da sempre un laboratorio di esperienze sociali e politiche ma, come Possibile, speriamo che lo sia presto anche per quelle economiche, e che il il tessuto produttivo genovese esca dalla palude dell’immobilità.”