Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lettere al direttore

Tribunale Chiavari, M5S: “Vergognoso spreco. Strutture tornino ai cittadini”

Più informazioni su

Nell’ottobre scorso il MoVimento 5 Stelle Liguria ha presentato un ordine del giorno, votato all’unanimità, perché il nuovo palazzo di via del Gasometro di Chiavari non resti inutilizzato, con ulteriore spreco di denaro pubblico. Costato alla comunità oltre 13 milioni di euro, di cui la metà circa a carico del comune di Chiavari, la struttura avrebbe dovuto ospitare il Tribunale cittadino, con un risparmio presunto di 700mila euro all’anno. Ma allo stato attuale, resta ancora vuota e destinata ad un lento ma inesorabile deperimento, in attesa che le istituzioni competenti decidano il dà farsi.

Nel frattempo, il M5S di Chiavari non è rimasto a guardare e, nei giorni scorsi, ha visitato le strutture della vecchia sede del Tribunale di piazza Mazzini e piazza Madonna dell’Orto. Anche qui tutto è fermo, sospeso in un limbo di parole vuote, promesse non mantenute e date prorogate nel tempo. Un esempio? Il sindaco di Chiavari Levaggi aveva promesso che gli uffici del Giudice di Pace sarebbero stati trasferiti nel nuovo Palazzo di Giustizia entro il 30 luglio. A distanza di quasi sei mesi, nulla o quasi si è mosso, col risultato di tenere bloccati contemporaneamente tre palazzi. Alla faccia del taglio agli sprechi!

“Basterebbe pochissimo tempo e sforzo per restituire alla collettività l’utilizzo completo di almeno uno dei due “vecchi” immobili, compattando il materiale rimasto, tra mobili e attrezzature e pochi oggetti e fascicoli – spiega Roberto Traversi del Meetup di Chiavari – Perché allora ciò non avviene? Sembra incredibile ma, per evitare le spese di un modesto trasloco, questi locali sono bloccati da quasi due anni e mezzo, e intanto il Comune paga affitti in giro per la città e diverse associazioni faticano a trovare una sede”.

Sulla stessa linea Gabriele Pisani, portavoce del M5S in Regione Liguria. “Oltre al danno dello spreco, ci troviamo di fronte anche alla beffa di un trasloco abbandonato a metà che rende inutilizzabili entrambe le strutture, a causa dell’ingombro parziale di alcuni locali. A ciò si unisce il più completo abbandono dell’edificio storico di piazza Mazzini e della sua manutenzione, con evidenti e preoccupanti infiltrazioni di acqua e degrado delle strutture”.

A lasciare perplessi è, soprattutto, lo stato di conservazione del materiale nei due immobili abbandonati. “Chiediamo al tribunale di Genova di organizzare meglio il materiale che hanno lasciato – incalza Alessandro Lavarello, portavoce M5S in Comune – perché non sembri lo scenario di una fuga frettolosa ma di un trasloco organizzato da una struttura dello Stato Italiano”.

“L’auspicio – conclude Barbara Boni del Meetup chiavarese – è che il palazzo vecchio di piazza Mazzini riacquisti il prestigio che gli compete, magari diventando un tesoro tutelato dal FAI. Visto che le amministrazioni di questi anni hanno impoverito l’offerta turistica che si basava sul mare e le strutture che intorno ruotavano, oggi non ci rimane che puntare su un turismo culturale valorizzando il più possibile la nostra storia e le nostre ricchezze.”

MoVimento 5 Stelle Liguria e Chiavari