Sospetto terrorismo, rimangono in carcere i due fratelli iraniani - Genova 24
Riesame

Sospetto terrorismo, rimangono in carcere i due fratelli iraniani

tribunale Savona aula

Genova. Karim e Shaahd El Kunani rimarranno ancora in carcere. Si tratta dei due presunti fratelli iraniani arrestati il 31 dicembre scorso mentre cercavano di prendere un volo da Genova verso Londra con falsi documenti belgi e foto di armi e scene di guerra sui telefonini. A deciderlo sono stati i giudici del tribunale del Riesame che hanno rigettato la richiesta dei legali dei due, gli avvocati Stefano Bertone e Irene Rebora.

Secondo i giudici vi sarebbe un pericolo di fuga visto che non hanno riferimenti nel territorio italiano dove eventualmente mandarli ai domiciliari, ma soprattutto vi sarebbe un pericolo di reiterazione del reato vista la facilità con cui hanno dimostrato di potere reperire falsi documenti e le disponibilità economiche che avrebbero per acquistare biglietti aerei.

I giudici poi sottolineano che vi sono “approfondimenti urgenti da effettuare per quanto riguarda il loro coinvolgimento o la loro appartenenza a una cellula terroristica internazionale”.

Ieri, il Riesame aveva anche rigettato la richiesta di scarcerazione dei tre libici fermati nel porto di Genova il 3 gennaio, mentre sbarcavano su tre auto identiche di dubbia provenienza e con foto inneggianti alla jihad nei telefonini. Gli investigatori ritengono che i tre possano essere fiancheggiatori dell’Isis.

leggi anche
tribunale di genova
Scarcerazione?
Sospetto terrorismo, i due fratelli iraniani davanti al giudice del riesame
carcere marassi
Interrogatorio di garanzia
Sospetto terrorismo, i due fratelli davanti al giudice: “Scappati dall’Iran per diventare cristiani”
carcere marassi
Genova
Sospetto terrorismo, i due fratelli hanno incontrato qualcuno a Genova
palazzo di giustizia tribunale genova
L'ambasciata conferma
Genova, scarcerati i fratelli iraniani sospettati di terrorismo