Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Serie C femminile: Polysport e Sidus, segnali di crescita risultati

Lavagnesi e genovesi cedono senza sfigurare alle più quotate avversarie

Genova. Così come la seconda giornata di ritorno, anche la terza ha visto il rinvio di un incontro, posticipato a marzo. Si tratta del match tra Ospedaletti e Polysport Lavagna.

Le due squadre, infatti, si sono affrontate sul campo delle biancoblù per il recupero del terzo turno del girone di andata. L’incontro è andato appannaggio delle ponentine che si sono imposte con 7 punti di scarto. Le lavagnesi restano solitarie in penultima posizione ma possono dirsi soddisfatte per aver offerto una buona prestazione.

Polysport Lavagna – Basket Club Ospedaletti 49-56
Polysport Lavagna: Primavori 3, Di Antonio 16, Cicala 12, Devoto 4, Moscotto, Raggio, Sa. La Cava, De Matteo 2, Arzeno 12, Si. La Cava. All. Terribile.
Basket Club Ospedaletti: Bestagno 10, Riello 6, Bianchino 16, Crudo, Dolce, Pesante 16, Esposito, Conte 8, Bruno. All. Carbonetto.

Così come all’andata, la squadra Under 20 della Cestistica Savonese ha prevalso nettamente, 48 a 67, su un Alassio che, pur non essendo squadra di categoria giovanile, schiera a sua volta un gran numero di “under” con l’intento di permettere loro di fare esperienza.

Per la squadra condotta da Ghione è l’ottava vittoria in dieci gare; archiviato il doppio passo falso con le spezzine, le biancoverdi hanno ripreso la loro corsa. Le gialloblù rimangono in settima posizione con due successi all’attivo.

Sul piano dei risultati, non è un buon periodo per il Loano, giunto alla terza battuta d’arresto di fila. Tuttavia, la formazione di coach Iannuzzi esce a testa alta dalla sfida con l’Audax San Terenzo, capolista tra le squadre di Serie C, prima delle non Under 20. Le loanesi hanno subito una sconfitta con 2 soli punti di scarto. Basti pensare che all’andata le spezzine vinsero di 27.

L’inizio della partita è, come spesso accade, nettamente a favore delle loanesi, che arrivano a condurre fino al 10-2, trovando facili soluzioni contro la difesa individuale ospite che non riesce a contenere Lanari e Casto. Un opportuno time-out ed un cambio di difesa (da individuale a zona 2-3) riporta piano piano la partita su un sostanziale equilibrio, con il primo quarto che si conclude a favore delle girls loanesei per 16-11. Nel secondo quarto cala l’intensità difensiva delle locali e l’Audax piazza il parziale che risulterà quello decisivo a fine partita, un 5-15 che porta la squadra ospite avanti nel punteggio all’intervallo lungo per 26-21.

Il terzo quarto scivola via su un sostanziale equilibrio; il parziale si chiude per 15-14 per la squadra di casa. All’inizio dell’ultimo quarto un parziale di 4-0 riporta immediatamente le loanesi sul 40-40, ma due errori gratuiti, gestendo davvero male due azioni offensive, mettono su un piatto d’argento due facili conclusioni per Donati che, piazzando il contro parziale di 4-0, permette all’Audax di tornare a respirare. Nel finale convulso le locali riescono a segnare per tre volte dalla lunga distanza, ma la rimonta si ferma sul 50-52 con la tripla di Casto che rende ancora più amara la sconfitta.

Pallacanestro Loano – Audax San Terenzo 50-52
(Parziali: 16-11; 21-26; 36-40)
Pallacanestro Loano: Bellenda, Rumbolo, Tassara 14, Lanari 16, Casto 16, F. Zappatore, I. Russo, V. Zappatore, Cavallaro, Maggioni, Malacarne 4, Bossolesi. All. Iannuzzi.
Audax San Terenzo: Marcenaro, Donati 21, Pescetto, Persia 2, Canova 15, Gili 12, Lucignani 2, Pini, A. Del Carria, C. Del Carria, Giugliano, M. Russo. All. Rossi, ass. Persia.

Nel testacoda del campionato la Sidus Life & Basket si è arresa alle Girls Golfo dei Poeti con 40 punti di scarto. Il risultato non è mai stato in discussione, ma per le genovesi appare addirittura positivo se paragonato al -27 dell’andata, giocata meno di due mesi or sono.

“Sarebbe magnifico poterci giocare contro ogni settimana – dicono i dirigenti genovesi -. I miglioramenti emergono dal confronto con chi gioca meglio ed infatti lo spirito, l’atteggiamento, il coraggio ed il piglio che dimostriamo nella gara di ritorno sono ben diversi da quelli che provammo all’andata. Nonostante una partenza molto forte di Spezia (zone-press e press tutto campo mescolate), pur pagando qualche ragionevole prezzo, riusciamo a reggere e in attacco, azione dopo azione, impariamo a prendere le misure della gara: letteralmente, infatti non ci è facile adeguarci alle linee di passaggio a cui i centimetri di queste ragazzone di Spezia ci obbligano, con le loro lunghe gambe e braccia. Buoni palloni ai tagli o spazi in cui si pensa di entrare vengono ostacolati dai loro corpi smisurati. Ma Spezia non è solo stazza, con i suoi cambi e le sue ragazze all stars setacciate da ogni dove: triple, contropiedi, giochi per ribaltare la palla al taglio dal lato opposto, contropiedi… tutto ci mette in difficoltà, ma, allo stesso tempo, ci carica di agonismo”.

“Certo – proseguono -, dall’alto delle loro braccia alzate non è poi così difficile ricevere in mezzo all’area e ribaltare, così come passare due-mani-sopra-la-testa sopra le nostre braccia protese, ma i loro passaggi sono automatici, precisi e tesi, come si riesce a fare solo dopo allenamenti molto lunghi e intensi. Anche noi riusciamo a produrre delle difese encomiabili, portandole un paio di volte al non-tiro dopo 24”, mentre diversi secondi tiri da rimbalzo in attacco sono francamente inevitabili, per le nostre misure. In attacco, dopo qualche imbarazzo, pur riuscendo a passare la loro pressione con poche perdite, miglioriamo nel corso della gara, ottenendo i migliori risultati quando i loro quintetti escludono le prime linee, ma anche nel finale, quando abbiamo ormai metabolizzato il senso della gara, che giochiamo con tiri decisamente rapidi e sicuri, che dobbiamo ricordare mentalmente per le prossime gare. Una buonissima prova di gruppo, ragazze unite e desiderose di fare bene, contente di potersi misurare con le più forti, migliorando praticamente tutte in qualche cosa”.

Sidus Life & Basket Genova – Girls Golfo dei Poeti 43-83
(Parziali: 15-23; 21-46; 30-69)
Sidus Life & Basket Genova: Cambiaso 2, Daneri, Di Chiara 3, Gatto 11, Marelli 7, Mercole 4, Pieri 8, Saturnino 2, Sobrero 2, Zichinolfi 4. All. Roncarolo.
Girls Golfo dei Poeti: Alesiani 12, Bonanni 2, Caldaro 14, Faggioni 5, Longobardi 9, Maiocchi 4, Nebbia Colomba 6, Reani 13, Tosi 17, Valente 6. All. Corsolini.