Cronaca

Scolmatore del Bisagno, ricorso al Tar contro la copertura del cantiere

Corso Italia, il cantiere dello scolmatore del Fereggiano

Genova. Arriva un ricorso al Tar Liguria contro una parte del progetto esecutivo del cosiddetto scolmatore del torrente Bisagno.

L’opposizione nasce da un gruppo di abitanti, “sensibili alle tematiche ambientali” che contestano al Comune a parte del progetto relativa alla “copertura, definita
formalmente provvisoria, del cantiere sulla spiaggia, una piattaforma con piloni alti 7-8 metri, di circa 2500 metri quadrati, mostruosa, che durerebbe anni, nella zona compresa tra Corso Italia e la riva del mare”.

I ricorrenti, rappresentati dall’avvocato Alberto Marconi di Genova, sottolineano che “non risulterebbe il nulla osta da parte della Soprintendenza” e chiedono la sospensione dell’opera relativamente alla già citata copertura. Il Tribunale amministrativo regionale ligure ha fissato l’udienza il prossimo 28 gennaio per pronunciarsi sulla richiesta di “parziale annullamento del provvedimento del 30 giugno 2015 che approvava il progetto esecutivo dello scolmatore del torrente Bisagno, primo lotto, primo stralcio a servizio dei rivi Fereggiano, Noce e Rovare”.

leggi anche
cronaca
Cronaca
Scolmatore del Bisagno, nasce il Comitato di monitoraggio dei lavori
Corso Italia, il cantiere dello scolmatore del Fereggiano
Cantiere su internet
Scolmatore del Fereggiano: on line un sito per seguire i lavori in tempo reale
Corso Italia, il cantiere dello scolmatore del Fereggiano
Genova
Scolmatore del Fereggiano: in corso Italia un affaccio sul mare sopra il cantiere
bisagno alluvione
275 milioni di euro
Scolmatore e copertura del Bisagno: firmato a Roma l’accordo per la messa in sicurezza di Genova