Quantcast
29 gennaio 1995

“Noi non dimentichiamo”. Genoa, vent’anni dalla morte di Vincenzo Spagnolo

Le bandiere, lo striscione. Il ricordo dei tifosi del Genoa

vincenzo spagnolo genoa

Genova. Sono passati vent’anni ormai da quel triste 29 gennaio 1995. Vent’anni dall’omicidio di Vincenzo Spagnolo. Il tifoso del Genoa morì pugnalato al cuore da Simone Barbaglia, supporter del Milan, a poche ore dall’incontro di calcio.

Oggi si gioca al Ferraris, in programma c’è Genoa-Fiorentina e i tifosi rossoblù hanno deciso di ricordare quel giovane strappato troppo presto alla vita con una manifestazione fuori dallo stadio, le bandiere e uno striscione “Noi non dimentichiamo”.

Vent’anni dopo, Genoa-Milan sdoganata da appena qualche stagione, rimane l’amarezza per la sorte di un ragazzo di 24 anni appena. Anche perchè allo stadio e fuori si continua e si è continuato a morire. Ricordare Vincenzo Spagnolo serve anche a questo: a raccontare l’insensato destino di chi esce di casa per tifare la sua squadra del cuore e non torna più.

Più informazioni