Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Nautico di Camogli, da mercoledì le quinte di nuovo in classe

Camogli. Proseguono le verifiche della Città Metropolitana all’istituto nautico. Nella struttura si registra una situazione buona per i corridoi, a macchia di leopardo invece quella delle classi e dell’aula magna.

L’intervento, effettuato con il coordinamento del consigliere delegato Adolfo Olcese e dello staff tecnico dell’edilizia scolastica, ha evidenziato che le porzioni d’intonaco a rischio distacco nelle aule dei quattro piani erano complessivamente un centinaio di metri quadrati e gli interventi per rimuoverle, avviati già nei giorni scorsi, saranno completati entro questo pomeriggio.

“Ora – dice Adolfo Olcese – stiamo procedendo su tre fronti: la protezione con materiali antiossidanti delle parti in ferro delle armature dei soffitti, la sistemazione di strutture provvisorie con reti metalliche e pannelli di polistirolo sui soffitti del quarto piano per far tornare almeno le quinte a lezione da mercoledì e l’installazione, sempre da mercoledì di un sistema brevettato a garanzia di tenuta di nuovi controsoffitti nelle aule e negli spazi dove sono stati riscontrati problemi.”

Queste strutture, “con un’orditura principale di profilati metallici – dicono i tecnici – alla quale vengono fissate speciali lastre armate fibrorinforzate” saranno installate sull’intero soffitto di ogni aula dove sono state segnalate porzioni in distacco dell’intonaco “e quindi – chiariscono i tecnici della Città metropolitana – l’estensione dei nuovi controsoffitti sarà complessivamente di parecchie centinaia di metri quadrati”. Per completare questi lavori, delicati e fondamentali per la sicurezza del nautico camoglino, servirà almeno una quindicina di giorni. Il cantiere ha iniziato dagli ultimi piani a stendere gli antiossidanti sulle armature in ferro esistenti per scendere progressivamente verso terra mentre l’installazione dei nuovi controsoffitti partirà in senso inverso.

“Siamo consapevoli dei disagi per l’istituto e i suoi studenti – dice Adolfo Olcese – e stiamo cercando di ridurre il più possibile i tempi degli interventi, compatibilmente con la sicurezza della scuola che è la nostra priorità assoluta. Se la sicurezza degli studenti e del cantiere lo permetterà verificheremo anche nei prossimi giorni, d’intesa con la direzione dell’istituto la possibilità di riaprire altre aule prima della conclusione di tutti i lavori”.