Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ilva, lunedì nuova commissione regionale con ministri e parlamentari liguri: “Serve fronte comune”

In contemporanea con lo sciopero che al momento resta confermato. Rixi: "Emendamento sia presentato da Governo"

Più informazioni su

Genova. La terza commissione regionale attività produttive che questa mattina si è riunita per affrontare la vicenda Ilva ha deciso la convocazione di una nuova seduta per lunedì 11 gennaio a cui sono stati invitati i parlamentari e i ministri liguri. La conferma arriva dalla presidente della commissione Stefania Pucciarelli. L’obiettivo è quello di “definire una posizione comune di tutta la politica ligure rispetto alla vicenda Ilva di Cornigliano”. Questa mattina la commissione ha audito i rappresentati sindacali che hanno chiesto di conoscere al più presto, e comunque entro lunedì, giorno per cui è fissato lo sciopero, le sorti del cosiddetto “emendamento Basso” che, se inserito nel decreto Ilva in discussione in Parlamento, consentirebbe “anche tramite il ricorso al lavoro socialmente utile” “l’aumento del 10% della retribuzione”.

assemblea ilva

In base all’emendamento, che dovrebbe essere portato in commissione tra oggi e domani, le risorse (5 milioni per il 2016 e altrettanti per il 2017) sarebbero anticipati da Società per Cornigliano che se li vedrebbe restituire tra quattro anni dal Governo attraverso il Fondo per gli interventi strutturali di politica economica. “Quello che è importante è che l’emendamento diventi un emendamento del Governo – spiega il consigliere regionale di Lista Pastorino Gianni Pastorino – senza dimenticare che accanto ai lavori socialmente utili occorre uno sforzo di investimenti nella banda stagnata perché solo così saremo in grado di salvaguardare gli impianti genovesi”.

Alla commissione di questa mattina ha partecipato anche l’assessore allo Sviluppo economico Edoardo Rixi: “Ho detto ai lavoratori che lunedì sono disposto ad andare dal prefetto per ribadire che l’emendamento deve essere presentato dal Governo e non da un singolo deputato. E’ evidente che la soluzione più semplice sarebbe stata che gli emendamenti fossero stati inseriti nella legge di stabilità, ma ora è importante fare fronte comune perché venga inserito nel decreto Ilva”. Intanto nel pomeriggio si svolgerà una commissione comunale sul tema Ilva accompagnata da un nuovo presidio dei lavoratori.