Genova

Ilva, Fim e Uilm prendono le distanze dalla Fiom: “Non sciopereremo”

cornigliano ilva strada

Genova. Lunedì prossimo sciopereranno e scenderanno in piazza soltanto i lavoratori dell’Ilva aderenti alla Fiom, ma non quelli di Fim e Uilm.

I due sindacati hanno spiegato questa mattina la loro posizione dopo l’assemblea in fabbrica con i loro iscritti, segnando le distanze con la Fiom-Cgil. “Non facciamo la ruota di scorta della Fiom – afferma Rocco Genco, della Rsu
della Fim-Cisl – L’emendamento di Lorenzo Basso che consente ai dipendenti dell’Ilva di mantenere fino al 30 settembre il 70% della retribuzione (invece di scendere al 60% come prevederebbe il Jobs act) e di fare ricorso ai lavori di pubblica utilità è una risposta concreta alle questioni poste dal sindacato”, sottolineano il segretario della Uilm Antonio Apa e della Fim-Cisl Alessandro Vella.

E per quanto riguarda l’Accordo di programma, che nel 2005 aveva consentito la chiusura delle lavorazioni a caldo dell’Ilva di Cornigliano mettendo rigidi paletti sulla continuità occupazionale e di reddito: “Nessuno lo mette in discussione. Non risulta che qualcuno lo abbia fatto, anzi è servito per l’emendamento”.

leggi anche
cronaca
Economia
Genova, Pd: “Soddisfatti per l’accordo tra Ilva e Ansaldo su aree di Cornigliano”
Corteo dei lavoratori Ilva
Economia
Ilva, Pastorino (Possibile): “Serve politica strategica e certezze su bando”
Il corteo dei lavoratori Ilva in piazza De Ferrari
Cronaca
Ilva, Fiom contro sindaco e Pd: “A brigante, brigante e mezzo”
Ilva, l'assemblea della Fiom in vista del collegio di vigilanza di lunedì
Nuova protesta
Ilva, lunedì nuovo sciopero e corteo fino alla Prefettura. La Fiom: “Rispettate i patti”
Il corteo dei lavoratori Ilva in Regione
Nessun corteo
Ilva, Fiom e Failms sospendono lo sciopero di lunedì: “Messaggio di speranza”
Corteo Ilva
Rischio proteste
Ilva e Atp, i “giorni caldi” sul fronte della trattativa sindacale