Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Setterosa piega di misura la Spagna e chiude in vetta il girone

Domani nei quarti di finale le azzurre se la vedranno con la Grecia

Bogliasco. La sciarpa di Aiello per il break, la beduina di Frassinetti per difenderlo. Primato del girone, quarto di finale con la Grecia ed evitata l’Olanda fino all’eventuale finale.

Il Setterosa batte le campionesse in carica della Spagna per 9-8 nello scontro diretto per il primo posto del girone B dei campionati europei in svolgimento a Belgrado. Le azzurre, due volte sul +2 sull’8-6 e 9-7 con una sciarpa di Aiello a 22’43” e una beduina di Frassinetti a 25’54”, torneranno in vasca domani, mercoledì 20 gennaio alle ore 12, contro le elleniche, quarte dell’altro raggruppamento.

La partita. Il primo gol è della Spagna e anche la prima superiorità numerica. Sempre Lopez protagonista (0’56” e 3’08” in più) con due tiri sul palo alla destra di Gorlero. In mezzo due gol azzurri in 32 secondi con Emmolo e Di Mario, che ci riprova un minuto dopo senza fortuna. Ancora iberiche avanti (palomba beffarda di Forca quando sembrava aver perso il tempo per tirare) e nuovo controsorpasso azzurro con Bianconi e Di Mario che capitalizzano al massimo i primi due attacchi in superiorità.

Nel secondo tempo si segna solo in superiorità numerica ma si comincia anche a sbagliare; 2 gol su 3 l’Italia (Emmolo 8’06” e Di Mario 13’37”) e 2 gol su 4 la Spagna (Forza 9’25” e A. Esper 11’18”). Gorlero non si fa sorprendere da una palomba di Forca ed è strepitosa nel chiudere la porta a fine tempo.

Il primo break azzurro arriva dopo 22’43” di gioco e dopo che Lopez aveva segnato il 6-6 al 17’. Il gol di Emmolo in più (18’46″) e di Aiello con una sciarpa valgono il doppio vantaggio a tre quarti di gara. Ottima difesa: 4 su 9 per le spagnole in superiorità.

L’ultimo tempo è caldissimo. Il centroboa Garcia per il -1 (25”29), la beduina strappa applausi di Frassinetti (25’54”) che riporta al sicuro l’Italia e quando sembra chiusa, Anna Espa, a 1’28” dalla sirena, riapre la partita. Conti protesta e viene ammonito. L’Italia difende altre due inferiorità, Gorlero c’è, Radicchi esce per limite di falli, poi controfallo nell’ultimo attacco iberico e le azzurre sfilano ai quarti da prime della classe.

“Adesso la Grecia – dice Frassinetti – bella vittoria ma il vero campionato inizia ora”. E la difesa ammirata oggi (4 su 12 la Spagna in più) è un buon viatico.

Le dichiarazioni di Conti: “Mi sono piaciute le ragazze perché hanno giocato come avevamo chiesto, ovvero iniziando con grande energia. La vittoria non cambia la situazione. Domani comincerà la fase ad eliminazione diretta ed abbiamo meno di 24 ore per recuperare le energie prima di affrontare la Grecia che ha giocato lunedì. Secondo me le elleniche valgono la Russia, che avremmo affrontato con un pari o una sconfitta con le iberiche. La Grecia è partita in sordina, ma ha dimostrato nella sfida con l’Olanda di essere diventata più brillante col passare delle giornate. Noi siamo tra le squadre top; le differenze sono minime, conteranno i dettagli e bisogna essere bravi a farli girare a proprio favore con organizzazione e carattere”.

Il tabellino:
Italia – Spagna 9-8

(Parziali: 4-3, 2-2, 2-1, 1-2)
Italia: Gorlero, Tabani, Garibotti, Queirolo, Radicchi, Aiello 1, Di Mario 3, Bianconi 1, Emmolo 3, Pomeri, Cotti, Frassinetti 1, Teani. All. Conti.
Spagna: Ester, Bach, B. Ortiz, M. Ortiz, Pareja, C. Espar, A. Espar 2, Pena, Forca 2, Tarrago, Garcia 1, Lopez 3, Herrera. All. Oca.
Arbitri: Ivanovski (Mne) e Koganov (Aze).
Note. Ammonito Conti a 6’32” del quarto tempo per proteste. Uscita per limite di falli Radicchi a 7’24” del quarto tempo. Superiorità numeriche: Italia 5 su 7, Spagna 4 su 12.