Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Campomorone interrompe l’imbattibilità dell’Albissola risultati

La Praese manda al tappeto il Pietra Ligure anche grazie ad un goal del suo portiere Caffieri

Genova.  E’ proprio l’anno dell’Albissola, che oltre ad essere un’autentica corazzata costruita per vincere, ha dalla sua quel pizzico di fortuna, determinante per arrivare fino in fondo.

I ceramisti, infatti, “perdono la verginità” (leggi imbattibiltà), per mani di un sornione Campomorone, ottimamente guidato da Marco Pirovano (un mister, una garanzia) che espugna il Faraggiana per 2-1 (Curabba e Bruzzone per i polceveraschi, Alessi per i padroni di casa).

Un match combattutissimo, con Alessi che fallisce un penalty, mentre Curabba e Cappellano (Campomorone) e Olivieri (Albissola) vengono espulsi.

Borzoli e Pietra Ligure non approfittano del passo falso di Barone e compagni e perdono i rispettivi match con Albenga e Praese.

Il Borzoli perde (1-2) con una scatenata Albenga (alla terza vittoria consecutiva); Imbesi e soci passano in vantaggio con Mazzei, ma nulla possono di fronte alla reazione vincente degli ingauni, in goal con Perlo e Condorelli.

Queste le formazioni scese in campo:

Borzoli: Imbesi, Majorana, Vavalà, Martino, Valente, Ustulin, Seminara, Prestia, Mazzei, Gazzano, Sciutto.

Albenga: Giaretti, Welti, Busseti D., Badoino, Cesari, Lettera, Gaggero, Gaggino, Perlo, Rocca A., Calcagno

Il Pietra Ligure cade (4-3) al “Ferrando” di Prà, sotto i colpi di una scatenata Praese.

I ragazzi di Ferraro partono alla grande e l’uno/due di Odasso e Daddi fa pensare che la strada verso il successo sia in discesa, ma i ragazzi di Gobbo non ci stanno e con Carrus e Salas agguantano il pareggio, prima di passare in vantaggio con il loro portiere Caffieri che segna su calcio di punizione battuto dalla sua area!

E’ ancora il solito Daddi a rimettere in gioco il Pietra, ma l’illusione di uscire imbattuto è effimera, in quanto Massa realizza il goal del definitivo 4-3.

Le uniche due squadre di alta classifica che approfittano delle sconfitte delle prime, sono il Taggia e il Legino.

Gli imperiesi regolano (2-1) la Loanesi e si portano al terzo posto, mentre il Legino si aggiudica (2-1) il derby con il Quiliano; per i padroni di casa segnano Romeo e Girgenti, per le aquile va a rete Mela.

Bragno e Veloce vincono, con l’identico punteggio (3-1), i rispettivi match con Certosa e Andora, mentre l’Arenzano torna al successo, superando (3-1, Guerrieri, Dentici, Rotunno) il Camporosso.