Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giù l’inquinamento, su l’economia: con lo sviluppo “green” in Liguria 4.500 posti di lavoro

6 milioni di tonnellate in meno di CO2? Nuove occasioni di sviluppo

Liguria. Nuove tecnologie ed emissioni zero che fanno bene all’ambiente e all’occupazione. Lo dice lo studio “Liguria, proposte per un modello di sviluppo nearly zero emissions”, commissionato dal Wwf all’Enea. Nei prossimi 15 anni in Liguria, in termini di sola occupazione diretta, potrebbero nascere oltre 4.500 nuovi posti di lavoro, con particolare riguardo allo sviluppo delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica, per cui servirebbero investimenti medi annui pari a 391 milioni di euro.

Secondo lo studio, l’insieme delle proposte consentirebbe alla Liguria di ridurre di circa 6 milioni di tonnellate annue le emissioni di CO2, portando le emissioni pro-capite a circa 3,6 tonnellate rispetto alla media nazionale attuale che è di circa 7,1 tonnellate. Gli interventi interessano cinque settori: fonti rinnovabili elettriche, rinnovabili termiche, accumulo elettrochimico in batterie, risparmio energetico nell’edilizia e sistema dei trasporti sostenibile.

Nel campo delle fonti rinnovabili elettriche e termiche, lo studio prevede che si possano creare 2.076 nuovi posti di lavoro, con investimenti medi annui pari a 166 milioni di euro che consentirebbero di soddisfare il 40% della domanda elettrica regionale con le rinnovabili.

Sul fronte della riqualificazione del parco edilizio, con un investimento medio annuo di circa 209 milioni di euro si creerebbero 2.186 nuovi posti di lavoro e gli interventi realizzati su oltre 10 mila appartamenti permetterebbero di ridurre i consumi del 60% rispetto agli attuali livelli.