Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giornata da dimenticare per le genovesi risultati

Sconfitte entrambe di misura, il Molassana lamenta anche due infortuni importanti

Più informazioni su

Brutta domenica per le due genovesi impegnate nel campionato di Serie B femminile. Entrambe sconfitte per una rete a zero sia il Molassana Boero che l’Amicizia Lagaccio.

Le partite hanno avuto in comune il risultato e le prestazioni delle atlete impegnate che in entrambi i casi hanno messo cuore e gambe, senza purtroppo ricavarne anche un riscontro dal punto di vista del punteggio.

Le lagaccine ospitavano la prima della classe, ovvero il Castelfranco che arrivava a Genova forte di 8 vittorie e nessuna sconfitta, da capolista e come capolista ha ripreso la strada per Castelfranco di Sotto, in provincia di Pisa. Partono meglio le gialloblu che fanno valere un tasso tecnico effettivamente invidiabile e controllano il pallino del gioco. Le genovesi dal canto loro tengono bene in difesa e lentamente riescono ad alzare il baricentro ribaltando l’andamento della partita.

Paradossalmente i maggiori pericoli arrivano proprio quando pare che le verdiblu possano farsi più incisive in attacco. Va detto che probabilmente ci sarebbe potuto essere un rigore per le ospiti a causa di un fallo di mano piuttosto evidente, ancorché involontario.

Nella ripresa la partita è più vivace, le toscane prendono nuovamente il controllo del gioco, ma si espongono ai rapidi contropiedi delle liguri. Al 55° Pesce si divora un’occasionissima, a tu per tu contro il portiere avversario la supera con un lob che termina a fil di palo, ma la situazione poteva essere certamente sfruttata meglio. La risposta delle ospiti è affidata a Parrini che col mancino su punizione calcia debole, facile la presa per Ferrari.

Ancora avanti l’Amiciza con Del Francia che gira bene un calcio di punizione proveniente dalla sinistra, ma la palla è centrale, facile per Baldi, portiere toscana. Al 65° poi il gol che decide la partita. La difesa verdeblu respinge due volte su due lanci delle avversarie, ma Varriale riesce ad anticipare Bargi, la palla scavalca tutta la difesa genovese e diventa un assist per Acuti che si invola verso Ferrari e con un tocco sotto supera Ferrari. Nel finale le lagaccine colpiscono anche un palo, ma rischiano più volte di subire anche il secondo gol.

Probabilmente il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, ma il Castelfranco dimostra di essere in testa per un motivo ben preciso: è una formazione solida in difesa e cinica sotto porta.

Le verdiblu rimangono quarte lontane, però ben dieci punti dal secondo posto. Cuneo e Castelfranco viaggiano su ritmi diversi.

Pessima giornata anche per il Molassana che torna da Imola con (letteralmente) le ossa rotte. Le rossoazzurre vengono sconfitte solo da un colpo di testa in mischia su calcio d’angolo quando la testa delle ragazze di Berlingheri era già altrove. Infatti ben due giocatrici del Molassana sono uscite anzitempo per infortunio in una partita certamente dura, con le imolesi inferiori certamente dal punto di vista tecnico, ma più determinate e decise. A farne le spese sono state Giada Traverso, distorsione alla caviglia per lei, ma soprattutto Fernanda Fernandez, finita all’ospedale di Imola con una clavicola fratturata dopo appena dieci minuti.

Della partita c’è poco da dire, con la prestazione delle pantere non giudicabile, visto che l’undici genovese è rimasto scosso per il brutto infortunio occorso alla giocatrice venezuelana dopo appena dieci minuti. Ora c’è da rimboccarsi le maniche e rimettersi in in pista per risalire la classifica che vede le rossoazzurre all’ottavo posto.

La prossima settimana l’Amicizia Lagaccio farà visita all’Alessandria, che si spera non imiti i colleghi maschi nelle prestazioni, mentre il Molassanda dovrà necessariamente fare punti in casa col Torino.