Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Europei, debutto agevole per il Setterosa: 10-3 alla Francia

Tre reti di Bianconi, due di Frassinetti

Bogliasco. L’Italia batte col minimo sforzo la Francia nel primo turno del girone B dei campionati europei in svolgimento alla Kombank Arena di Belgrado.

Il Setterosa trasforma l’esordio in poco più di un impegnativo allenamento. Sempre avanti, le azzurre passano dal 2-2 al 4-2 e dal 5-3 aumentano progressivamente il vantaggio sino al finale 10-3. Transalpine all’asciutto dal 3-4 di Jaskova segnato a 2’53” del secondo tempo. La migliore marcatrice della partita è stata Bianconi, autrice di una tripletta e ieri premiata con il LEN Award 2015.

Era la sesta volta che si affrontavano le due squadre ai campionati europei ed è la quinta vittoria italiana. I gol realizzati salgono a 80 e quelli subiti diventano 30. L’ultimo confronto tra Italia e Francia era stato quello del 24 novembre scorso ad Avezzano nel terzo turno di World League: 15-5 per le azzurre e una prodezza di Di Mario ancora impressa negli occhi. Nella Francia l’unica novità rispetto ad un mese e mezzo fa è l’impiego di Clerc al posto di Sesca. L’Italia è la stessa per 11/13 con Tabani e Cotti per Dario e Palmieri.

Nelle altre due partite del gruppo B la Spagna ha travolto la Croazia 29-3 (5 gol Pereja ed Espar) ed ora la Serbia affronta la Germania, prossima avversaria del Setterosa mercoledì 13 gennaio alle 12,30.

La partita. Subito una superiorità numerica dopo 20 secondi, ma il primo gol è di Frassinetti in parità dopo 3’20″ e dopo che ci avevano provato Di Mario (palo), Bianconi ed Emmolo (parate). Passa poco più di un minuto e Tardy sorprende tutte, anche Gorlero, e pareggia.

Pomeri, dal perimetro, riporta avanti l’Italia, poi Aiello guadagna la seconda superiorità ma il tiro di Queirolo è stoppato. La Francia, invece, sfrutta la prima superiorità e fa 2-2 con Jaskova. Il ct Conti chiama il time-out a sei secondi dalla fine del primo tempo: tira Bianconi e per poco non sorprende Derenty.

Ritmi lenti, ma l’Italia ha lavorato duro anche ieri e non ha fretta. Vanno a segno Frassinetti e Aiello in superiorità dal centro, Garibotti e Di Mario ancora in superiorità. Jaskova accorcia con la palla che colpisce la traversa e carambola sulla nuca di Gorlero, in precedenza protagonista di un ottimo intervento sulla girata di Mahieu.

Al minuto 1’30” del terzo tempo Bianconi, su rigore, segna il suo primo gol da regina d’Europa. E’ anche l’unico gol del terzo periodo.

Nell’ultimo parziale la doppietta di Bianconi con due tiri in fotocopia (la palla rimbalza sull’acqua e si infila sotto la traversa) e il gol di Garibotti rendono il risultato più rotondo. La Francia non segna per oltre due tempi e mezzo.

Il commento di Fabio Conti: “E’ andata esattamente come ce l’aspettavamo. La partita è stata ostica perché non avevamo brillantezza. Del resto fino a ieri abbiamo effettuato carichi di lavoro importanti in previsione dell’ultima partita del girone e della fase ad eliminazione diretta. Bene la difesa; in attacco è normale patire di più quando non si è nella migliore condizione. C’è stata anche qualche licenza di troppo a livello individuale giustificabile solo perché è la prima giornata. Germania, Croazia e Serbia saranno allenamenti per testarci sotto il profilo fisico, più che qualitativo, in attesa della partita che deciderà il primo posto del girone contro la Spagna”.

Il tabellino:
Italia – Francia 10-3
(Parziali: 2-2, 4-1, 1-0, 3-0)
Italia: Giu. Gorlero, Tabani, Garibotti 2, Queirolo, Radicchi, Aiello 1, Di Mario 1, Bianconi 3, Emmolo, Pomeri 1, Cotti, Frassinetti 2, Teani. All. Conti.
Francia: Derenty, Millot, Bachelier, Au. Sacre, Guillet, Mahieu, Barbieux, Tardy 1, Ad. Sacre, Jaskova 2, Clerc, Daule, Chabrier. All. Sakelis.
Arbitri: Toygarli (Tur) e Schwartz (Isr).
Note. Uscita per limite di falli Barbieux a 7’50” del secondo tempo. Ammonito Sakelis per proteste nel terzo tempo. Superiorità numeriche: Italia 2 su 7 più 1 rigore realizzato, Francia 1 su 3.