Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Doppio arresto di latitanti nel centro di Genova

Più informazioni su

Doppio arresto ieri pomeriggio nel centro di Genova, dove a finire in manette sono stati due latitanti. Il primo è un 22enne originario del Gabon che è stato colpito da due ordini di cattura emessi rispettivamente dal Tribunale di Genova, per scontare 3 anni, 3 mesi e 26 giorni di reclusione per pene concorrenti e dal Tribunale di Torino, per scontare 6 mesi e 8 giorni di reclusione per la violazione della normativa sugli stupefacenti. Il secondo è un cittadino senegalese di 20 anni a carico del quale è emersa un’ordinanza di custodia cautelare in carcere dell’ottobre 2012 emessa dalla Corte d’Appello di Genova, per aver violato la misura della detenzione domiciliare che stava scontando a Pescara per reati inerenti lo spaccio di stupefacenti.

Tutto ha avuto inizio intorno alle 17.30 quando gli agenti della volante del Commissariato Pré, transitando in Via Doria nei pressi della Stazione FS Principe, hanno riconosciuto il primo dei due arrestati. L’uomo è subito fuggito in Salita San Paolo verso Via di Pré, tallonato dai poliziotti. All’inseguimento, che ha impegnato gli agenti per diversi minuti lungo Via di Pré, Via Balbi, salita Montebello, via Balaclava e da lì di nuovo a scendere in Via Famagosta, Via Balbi e Via di Pré, hanno partecipato diverse volanti e si è concluso in Via Gramsci dove il giovane è stato raggiunto e bloccato.

Proprio durante le concitate fasi delle ricerche del fuggiasco, che per alcuni minuti era riuscito a far perdere momentaneamente le proprie tracce, gli agenti hanno individuato in Salita della Provvidenza un soggetto, corrispondente alla descrizione diffusa via radio che, alla vista dei poliziotti, è subito scappato verso Salita di Santa Teresa, dove è stato raggiunto e bloccato. L’uomo, privo di documenti, ha dichiarato di essere un cittadino senegalese e di avere 20 anni. Accompagnato in Commissariato per le procedure di identificazione, sono emersi a suo carico numerosi precedenti penali e di polizia, oltre all’ordinanza di custodia cautelare in carcere in esecuzione della quale è stato tratto in arresto. Entrambi gli arrestati sono stati tradotti presso il Carcere di Marassi.